Blitz quotidiano
powered by aruba

Roma, cimitero Prima Porta: la banda che saccheggia le bare dei rom

ROMA – Al cimitero di Prima Porta a Roma va in scena il saccheggio delle bare. Caccia alla banda che colpisce i rom. Aperte e svuotate numerose tombe nel cimitero: rubati gioielli, soldi e ricordi nei loculi dei nomadi defunti. I ladri poi per passare inosservati richiudono tutto.

Una serie di furti nei loculi e nelle sepolture a terra soprattutto in quelle dove riposano i defunti di famiglie rom. Persone scomparse anni fa vicino alle quali, nelle bare, come vuole la tradizione nomade, i loro cari hanno appoggiato oggetti di valore, compresi gioielli, e anche somme di denaro in contanti. I carabinieri della compagnia Cassia hanno avviato un’indagine dopo la razzia scoperta a metà giugno nella tomba di un rom di origine slava, per anni residente a Roma, morto nel 1998. Sono stati i familiari, giunti alla quarta generazione e italiani a tutti gli effetti, a rivolgersi ai militari dell’Arma dopo essersi accorti che il loculo era stato violato.

La notizia viene riportata da Giulio De Santis e Rinaldo Frignani per Il Corriere della Sera:

I ladri avevano smurato la lapide e aperto anche la bara: un’offesa molto grave per chiunque, ma particolarmente sentita dalla comunità rom. Dopo aver portato via tutto – anelli, bracciali e soldi – i razziatori avevano cercato di cancellare le tracce del passaggio. Stessa scena a metà della settimana scorsa con un altro nomade, questa volta deceduto nel 1992. Le indagini non appaiono semplici. Soprattutto perché non è chiaro quante siano le tombe prese di mira dai ladri, piuttosto abili nel risigillare le sepolture. E sempre per questo motivo non si sa neanche quando siano state svaligiate. Trovare impronte digitali è altresì complicato, visto che all’apertura delle bare si sprigionano polveri sottili di vario genere che finiscono per coprire qualsiasi traccia. L’ipotesi è che la banda colpisca dopo essere andata a caccia di tombe sulle quali compaiono cognomi slavi, visto che non c’è a Prima Porta un settore dedicato ai defunti rom, sebbene molti riposino nel riquadro musulmano.

È questa l’ultima frontiera del furto nei cimiteri romani, dopo i numerosi episodi – sia a Prima Porta, al Verano ma anche al Laurentino (a Trigoria) – con le razzie di qualsiasi oggetto in rame e ferro (croci, lumini, lampade, perfino le lettere con i nomi delle famiglie e dei defunti), ma anche di ricordi lasciati dai parenti (in passato sono stati scoperti ladri senza cuore specializzati nel portar via i giocattoli dei bambini) e di fiori, rivenduti fuori dai camposanti. A Prima Porta ci sono cartelli lasciati dai parenti dei defunti che avvertono i visitatori affinché non lascino valori sulle tombe. Ma ci sono messaggi anche per i ladri, qualcuno con la minaccia di conseguenze, altri di insulti, altri ancora con la preghiera di non rubare. Ma i furti continuano, adesso direttamente nelle bare.


TAG: ,