Blitz quotidiano
powered by aruba

Roma, la prestazione non lo “soddisfa”: la sequestra e…

ROMA – Non era soddisfatto della “prestazione” e così l’ha sequestrata impedendole di scendere dall’auto. Accadeva a Roma due notti fa. Lei è una romena di 26 anni, di stanza sulla Palmiro Togliatti. Lui, un 38enne romano, già recidivo per reati dello stesso genere. Dopo il primo rapporto, l’uomo ne pretende un altro perché non ancora appagato. Lei gli chiede altri soldi e lui comincia un tour dei bancomat della zona fingendo di prelevare il denaro pattuito. Poi blocca la serratura dell’auto e si dirige con la ragazza a bordo e senza fornire spiegazioni, verso il Grande raccordo anulare.

A quel punto la giovane preoccupata, ha telefonato al 112 chiedendo aiuto. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno organizzato vari posti di blocco intercettando l’auto presso l’uscita del raccordo in via della Bufalotta.

Alla vista dei militari, l’uomo si è dato alla fuga: ne è nato un breve inseguimento, nel corso del quale la donna approfittando di un attimo di distrazione del suo sequestratore si è lanciata dall’auto in corsa, riportando varie contusioni non gravi. Poco dopo, l’uomo è stato raggiunto e bloccato dai Carabinieri. Addosso aveva un grosso coltello da cucina che è stato sequestrato.

La donna, invece, è stata soccorsa e visitata presso l’ospedale Sant’Andrea, e a causa dei vari traumi riportati è stata ricoverata in osservazione, ne avrà per almeno 15 giorni. Il 38enne è stato arrestato, condotto in Tribunale dove ha patteggiato la pena e condannato a 2 anni di reclusione.