Cronaca Italia

Roma, ricercato per omicidio arrestato. Latitante da 12 anni

Roma, ricercato per omicidio: arrestato. Latitante da 12 anni

Roma, ricercato per omicidio: arrestato. Latitante da 12 anni

ROMA – Nella lista stilata dall’Interpol dei 100 latitanti più pericolosi dell’Albania il 32enne albanese, Pjetri Genc, è stato arrestato nel corso di un’operazione della Polizia di Stato perché destinatario di un mandato di cattura internazionale emesso dall’Albania.

L’uomo, fa sapere la polizia, deve scontare una pena di 25 anni di reclusione per omicidio premeditato e possesso illegale di armi da fuoco. Era ricercato dal 2003 quando, all’indomani dell’omicidio di un concittadino, freddato per vendetta con numerosi colpi di arma da fuoco al culmine di una faida familiare, aveva fatto perdere le proprie tracce.

Agevolato anche dal fatto che gli investigatori albanesi non erano in possesso delle sue impronte dattiloscopiche è stato capace di sfuggire alle ricerche per ben 12 anni.

L’unico elemento messo a fattore comune dalla polizia albanese nella banca dati dell’Interpol, riporta Il Messaggero di Roma,

era infatti una semplice fotografia risalente all’epoca dell’omicidio. Proprio partendo dalle scarne informazioni ricevute su una possibile sua presenza in Italia, la seconda sezione della squadra mobile, specializzata in criminalità straniera, ha avviato una complessa ed articolata attività di indagine con un gruppo di lavoro già rodato nella cattura di personaggi di spicco ricercati in ambito internazionale. Un’intesa raccolta ed analisi di informazioni su fonti, anche all’interno della comunità albanese capitolina, è stata effettuata col coordinamento della procura generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Roma e col supporto del Servizio per la cooperazione internazionale di Polizia.

È stata rintracciata, dapprima, la ex compagna dell’uomo, quindi il figlio di questa cui il ricercato era particolarmente legato. Proprio seguendo le tracce del ragazzo, in brevissimo tempo è stato individuato l’appartamento nel comune di Ciampino dove l’uomo aveva trovato rifugio. Dopo un lungo appostamento all’esterno della villetta, il 14 dicembre scorso, è stato monitorato l’arrivo di un’auto con all’interno tre persone.

A bordo c’era il 32enne che è stato arrestato. Inizialmente ha provato a fornire generalità false, ma poi si è arreso e ha ammesso di essersi rifugiato a Roma per più di dieci anni.

To Top