Blitz quotidiano
powered by aruba

Roma, ruba ai turisti poi si lega e blocca la metropolitana

ROMA – Una storia di ordinaria follia a Roma, quella riportata domenica dal Messaggero. Una rom infatti prima ha scippato una coppia di turisti a piazza di Spagna in pieno giorno, poi è fuggita verso la metropolitana dove è riuscita a sottrarsi alla vigilanza. Qui, per non essere arrestata, si è legata ad un convoglio bloccando per alcuni minuti la linea A in direzione Termini. Alla fine è stata fermata dalla polizia e denunciata, fra l’altro, anche per interruzione di pubblico servizio.

A scatenare tutto questo caos una nomade di 17 anni che, una volta scoperta, ha avuto paura di finire in un commissariato e poi magari in carcere. Per questo, ha avuto l’idea di legarsi con una felpa alla maniglia di un convoglio. Dopo di che è rimasta in piedi sulla banchina mentre era legata ad un vagone. La scena non è passata inosservata, decine di passeggeri hanno ritardato il loro viaggio prima che la polizia riportasse l’ordine. E’ anche intervenuto l’esercito che presidia la stazione nel cuore della Capitale.

La scippatrice è entrata in azione alle 13.30 di sabato sulla scalinata di Trinità dei Monti. Qualcuno si è accorto del furto e si è messo a gridare. Sono intervenuti i vigili urbani, aiutati da un passante. La scippatrice però è riuscita a fuggire. Ha corso imboccando la stradina che porta alla metro. Qui non si è fermata: ha preso a calci il personale della vigilanza ed è riuscita a sgusciare verso i treni. Una volta sulla banchina ha capito che la corsa era finita. Sarebbe stata presa e arrestata. Ecco che ha ideato l’escamotage di legarsi ad un convoglio. La ragazza gridava: “Lasciatemi andare o il treno non parte”. Poi le forze dell’ordine sono riuscite ad afferrarla e a portarla via dalla banchina.