Cronaca Italia

Roma. sassofonista Javier Girotto litiga col tassista: in ospedale con naso rotto. “Lo denuncio”

Javier Girotto, sassofinista litiga col tassista

Foto dal tgCom

ROMA – Il Campidoglio esprime “solidarietà” e “vicinanza” a Javier Girotto, musicista malmenato giovedì mattina da un tassista al Colosseo. Il sassofonista, che ha trascorso due giorni all’ospedale San Giovanni, ha il setto nasale rotto a causa della lite: per le lesioni riportate, è stato costretto ad annullare la sua tourneé estiva.

A nome della sindaca Virginia Raggi e della Giunta, il vicesindaco con delega alla Crescita Culturale Luca Bergamo ha contattato Girotto per comunicargli la vicinanza del Campidoglio e augurargli una pronta guarigione. Per il Campidoglio si tratta di “un gesto di una violenza inaccettabile”.

I vigili urbani hanno subito identificato il tassista: si tratta di Bartolomeo Gasperini, ed ha 51 anni.  La procura ha aperto un fascicolo per lesioni gravi, dopo aver visionato le immagini delle telecamere istallate davanti al Colosseo. La lite è scoppiata per un banale diverbio stradale. Ora Girotto denuncerà il tassista. Scrive Repubblica: 

“È una storia di ordinaria follia quella accaduta al genio del sax colpevole di aver battibeccato con un tassista che gli aveva tagliato la strada proprio davanti al Colosseo per ben due volte.

“Erano le 8 e 30 del mattino di giovedì. “Ero in sella al mio motorino – racconta dal letto di ospedale, operato da poche ore e col naso fasciato e un ginocchio gonfio Javier Girotto – venivo da Circo Massimo e stavo andando al Saint Louis college per fare un seminario. Avevo il mio sax a tracolla e casco in testa quando un tassista mi ha tagliato la strada, all’altezza del Colosseo. È passato da una corsia all’altra in modo repentino, senza freccia. Sono riuscito a evitarlo quando ha commesso la seconda infrazione spostandosi ancora una volta sulla strada che stavo percorrendo”. Ne nasce un botta e risposta acceso, fatto di gesti, rimproveri e rimostranze reciproche. Tutto normale nella dialettica stradale romana. Il tassista però non ha incassato il colpo e malgrado avesse due turiste donne a bordo ha ingaggiato una collisione con lo scooter dell’artista”.

“Mi ha speronato con l’auto e sono caduto dal motorino – prosegue il jazzista – Ero lì stordito per la caduta e incredulo per il gesto di quell’uomo che avrà avuto una cinquantina di anni quando, come una furia l’ho trovato sopra di me”.

“Sceso dal taxi l’uomo ha infatti prima sferrato un pugno sul naso a Girotto e poi lo ha colpito con una torcia che impugnava alla testa e al volto. “Una violenza inaudita, inaspettata e vergognosa. E, cosa davvero di cui non mi capacito, di fronte alle due turiste che aveva in auto, in pieno servizio quindi”. Javier ha iniziato a gridare e non lontano una pattuglia di vigili urbani, richiamati dalle grida, sono fortunatamente intervenuti”.

“Il tassista, come se nulla fosse accaduto, ha esibito la patente e ha candidamente chiesto ai poliziotti della municipale di poter accompagnare a destinazione le due clienti che poi sarebbe tornato lì. Niente da fare gli agenti hanno fatto scendere le turiste e l’uomo è stato accompagnato in caserma”.

“Lo denuncerò appena mi dimetteranno da qui – ha concluso Girotto – non è davvero possibile quello che è accaduto. Roma e la categoria dei tassisti, qualora non prendano le distanze dal collega, ne escono davvero malissimo da questa storia. Oltre a me, naturalmente…”, dice sfiorandosi il naso”.

To Top