Blitz quotidiano
powered by aruba

Roma, si fingevano poliziotti e derubavano turisti a Termini

I due uomini, cittadini romeni, sono stati colti in fragranza di reato mentre tentavano, per l'ennesima volta, il loro "gioco" con una coppia di ricchi bielorussi

ROMA – Si fingevano poliziotti perquisivano e derubavano ricchi turisti alla stazione Termini di Roma: arrestati due cittadini romeni.

I due uomini sono stati colti in fragranza di reato mentre tentavano, per l’ennesima volta, il loro “gioco” con una coppia di ricchi bielorussi.

I due romeni si presentavano ben vestiti e con finti distintivi della Polizia fermavano i turisti. Parlando in perfetto inglese dicevano di far parte della “Drug-Police” (“Polizia droga”).

Racconta il quotidiano romano il Messaggero: 

“Le ignare vittime, credendo di trovarsi di fronte a veri poliziotti, non esitavano a mostrare i documenti o a farsi perquisire dai due malfattori, i quali si impossessavano anche degli oggetti che le vittime nascondevano nelle tasche interne dei loro indumenti. In una circostanza però una di queste scene è stata notata dai poliziotti del Commissariato durante uno dei consueti servizi di controllo del territorio effettuato nella zona della stazione Termini. È iniziata così un’immediata attività investigativa finalizzata ad individuare i due falsi poliziotti.

Proprio ieri sera i due criminali dopo aver scelto dei facoltosi cittadini stranieri, bielorussi, li hanno avvicinati e dopo essersi qualificati come poliziotti, li hanno sottoposti ad un “controllo” impossessandosi di denaro contanti, gioielli e di un telefonino di ultima generazione. I due falsi poliziotti non sapevano però di essere pedinati dai veri poliziotti del Commissariato Viminale, i quali sono intervenuti bloccando i due malfattori; recuperata inoltre molta refurtiva tra cui gioielli, denaro in contante da pezzi di 500 euro, 45.000 rubli e altri oggetti. Da accertamenti investigativi è emerso che i due falsi poliziotti si erano resi responsabili di altri delitti dello stesso genere con il relativo riconoscimento delle vittime, tra i quali anche facoltosi turisti giapponesi. L.E. di 49 anni e I.L. di 47 – entrambi di nazionalità romena con precedenti – sono stati arrestati”.


TAG:

PER SAPERNE DI PIU'