Cronaca Italia

Roma, sospetto caso di mucca pazza: muore ingegnere 62enne

ROMA – Un ingegnere elettronico di 62 anni è morto, il 1 febbraio, per un sospetto contagio di mucca pazza. L’uomo si era recato in ospedale, al Policlinico di Tor vergata, qualche settimana prima con i primi sintomi del morbo, come la vista sdoppiata e le difficoltà di memoria. Entrato in ospedale il 5 gennaio, riporta Alessia Marani su Il Messaggero, solo il cinque giorni più tardi era stato portato nel reparto di neurologia.

Le sue condizioni, peggiorate in poco tempo, mostravano i primi segni del morbo come la demenza e improvvisi attacchi epilettici. La salma, ora custodita presso l’istituto nazionale per le malattie infettive Spallanzani, sarà sottoposta all’autopsia che potrà così confermare o meno il morbo di Creutzfeldt-Jakob, di cui la mucca pazza è una variante, ancora senza cura.

Da una prima risonanza ed encefalogramma, scrive il quotidiano romano, sarebbero già evidenti i buchi con sostanza biancastra nell’encefalo, tipici della meningoencefalite spongiforme. I familiari non hanno dubbi sull’esito dell’autopsia, come spiega una cugina dell’ingegnere, medico chirurgo del Gruppo San Raffaele di Milano.

“I risultati del prelievo del liquor cefalorachidiano effettuato nei primi giorni di degenza e inviato a Verona sono arrivati il giorno prima della morte e non hanno lasciato spazio a dubbi, evidenziando il prione (una proteina alterata) del morbo. Mio cugino è morto mercoledì sera alle nove tra le mie braccia, circondato dall’amore infinito della moglie e dei due figli, una femmina e un maschio, poco più che ventenni. Ma com’è possibile morire ancora, nel 2017, di mucca pazza? Perché la ricerca si è fermata o non viene incoraggiata? Perché ci siamo dovuti sentire dire da medici impotenti che non c’ era nulla da fare per salvare la vita di un uomo intelligente e brillante come lui? Per questo vogliamo denunciare l’ accaduto perché non cali l’ attenzione su questa malattia”.

To Top