Blitz quotidiano
powered by aruba

Ruba video a luci rosse dell’amica e lo pubblica: lei insultata su Fb e ricattata

ASTI – Ha rubato un video a luci rosse dal telefonino dell’amica e poi lo ha diffuso in rete. La vittima, una trentenne astigiana, finita sui social a sua insaputa, è stata bersagliata di insulti e poi ricattata da due uomini che hanno cercato di estorcerle del denaro. Ha chiesto inutilmente la rimozione del video all’amministratore di due gruppi anonimi su Facebook e si è infine rivolta alla Polizia Postale. Le indagini, coordinate dal pm della Procura di Asti, Delia Boschetto e supportate dal Compartimento di Torino, hanno portato all’identificazione del presunto autore del furto del filmato: si tratterebbe di un pregiudicato di 28 anni, amico della vittima.

Il giovane avrebbe avuto in prestito dalla donna il telefono cellulare dal quale avrebbe scaricato il video a sfondo scoperto nell’archivio. Ad indirizzare gli investigatori verso il sospetto è stata la stessa donna dopo aver notato un improvviso aumento di richieste di amicizia su Facebook. Oltre 800 i contatti inopportuni e gli apprezzamenti sessuali non graditi, talvolta con richieste esplicite di incontro. La Polizia Postale ha poi scovato l’esistenza di due gruppi anonimi su Facebook, di cui uno di 1.300 iscritti, all’interno dei quale era stato postato il video incriminato associato alla ragazza e divenuto in poco tempo virale.

La trentenne, nel sporgere denuncia, ha rivelato agli investigatori di nutrire sospetti su un conoscente, cui aveva prestato il telefono e che glielo aveva restituito commentando “bello il video“. A seguito dei dovuti accertamenti l’uomo è stato individuato e arrestato con l’accusa di “sex extortion”.

 


TAG: