Blitz quotidiano
powered by aruba

Salerno, assenteismo ospedale Ruggi: 80mila presenze false

SALERNO – Assenteismo all’ospedale Ruggi d’Aragona di Salerno: 80mila giornate di presenze false. Il numero, riferito da Sabino Russo sul Mattino, è quello delle anomalie sui cartellini del personale dipendente dell’ospedale nel periodo che va dal primo febbraio 2012 al 28 febbraio 2015, anomalie registrate dalla commissione di verifica Rilevazione presenze.

Spiega Sabino Russo sul Mattino di Napoli:

“Nel corso del controllo, nello specifico, sono emersi circa 8 mila casi di mancata correzione delle errate/omesse timbrature; 1300 casi di presenza nella stessa giornata di timbrature e giustificativo (ferie, permessi, malattie); 70 mila giornate di assenza non giustificata. Numeri che nello stesso verbale redatto dai componenti della commissione vengono definiti record e che tradotti in soldoni potrebbero voler dire un danno erariale di milioni di euro.

I casi di assenteismo rilevati dalla commissione di verifica vanno ben oltre quelli già accertati finora dall’inchiesta Just in time delle fiamme gialle, che nel settembre 2015 fece luce su questo diffuso malcostume, portando all’immediata sospensione di 10 dipendenti e il successivo licenziamento di 7 di loro, facendo balzare l’azienda ospedaliera universitaria di Salerno agli onori della cronaca nazionale. Cinquecento i casi controversi individuati dalle verifiche contabili svolte negli ultimi mesi sulle assegnazioni di straordinari e sul conteggio delle ore di lavoro, oltre che sulle buste paga da parte dei finanzieri”.

Lo scandalo degli assenteisti al Ruggi era nato da un accertamento sulla “esagerata presenza di lavoratori in orario di straordinario” partito dalla segnalazione della Cisl alla direzione generale dell’ospedale nel luglio del 2013 in cui si ribadiva un uso eccessivo dello straordinario a carico degli infermieri.


PER SAPERNE DI PIU'