Blitz quotidiano
powered by aruba

Salerno, pachistano molesta 14enne: rischia linciaggio

Assalto dei residenti al centro di accoglienza del rione Materno a Salerno domenica sera, dopo che una ragazzina di 14 anni ha raccontato di essere stata molestata da un giovane pachistano ospite del centro

SALERNO  –  Un extracomunitario molesta una ragazzina di 14 anni e scoppia la rivolta dei residenti, che cercano di assaltare il centro di accoglienza in cui l’uomo, arrivato pochi mesi prima su un barcone, viveva insieme ad altri migranti. E’ successo domenica 10 gennaio a Salerno, nel quartiere collinare di Matierno.

La ragazza è stata avvicinata da un giovane pachistano, spiega Rosa Coppola sul Corriere della Sera, e molestata. Arrivata a casa ha raccontato quanto aveva subito alla famiglia. La voce si è sparsa nel quartiere ed è scattata la rappresaglia.

In serata un gruppo di residenti del rione si è dato appuntamento davanti al centro di accoglienza che si trova nello stesso quartiere e ha cercato di sfondare il portone di ingresso per linciare il giovane pachistano. Ma gli extracomunitari si sono barricati nell’edificio e hanno atteso così le forze dell’ordine, che sono arrivate poco dopo e hanno fermato il raid punitivo. Secondo quanto scrive Rosa Coppola sul Corriere della Sera,

“Oltre a numerose pietre, sarebbero stati esplosi anche alcuni colpi di pistola contro il palazzo che ospita il centro di accoglienza”.

La notizia arriva nei giorni in cui in Germania divampano le polemiche per le molestie e le violenze sessuali subite da centinaia di donne a Colonia la notte di capodanno. Ad oggi dono oltre 500 le denunce arrivate alla polizia, nel mirino per non aver saputo gestire, prevenire e soprattutto arginare l’emergenza la notte del 31 dicembre.

Dopo le manifestazioni di sabato 9 gennaio, domenica 10 sei pachistani sono stati attaccati a Colonia vicino alla stazione da un gruppo di 20 persone in quello che ha tutte le caratteristiche di un raid punitivo.

 


PER SAPERNE DI PIU'