Blitz quotidiano
powered by aruba

Salerno, uccide moglie e figlia neonata e si impicca

SALERNO – I cadaveri carbonizzati di una coppia di coniugi romeni e della loro figlia neonata sono stati scoperti in una palazzina di un piano all’interno di un’abitazione in via Poseidonia, a Capaccio (Salerno), in località Torre del Mare. Un brutale caso di omicidio suicidio: l’uomo, forse ubriaco, ha ucciso la moglie e la figlia di pochi mesi dando loro fuoco e poi si è impiccato.

Un vicino di casa ha allertato i carabinieri e i vigili del fuoco allarmato dalle fiamme che uscivano dall’appartamento. In origine si pensava ad un incendio; solo una volta domate le fiamme sono stati scoperti i cadaveri. Indagano i carabinieri di Agropoli, diretti dal tenente Francesco Manna e coordinati dalla Procura. Qualche dettaglio arriva dal quotidiano locale La Città di Salerno:

Omicidio -suicidio nella contrada marittima di Torre di mare. Un uomo di nazionalità rumena ha ucciso la moglie e la figlia di pochi mesi e poi si è impiccato. La tragedia si è consumata questa mattina in una piccola casa prefabbricata, dislocata su un solo livello, in via della Giungaia dove risiedono diversi gruppi di stranieri. Dai primi accertamenti effettuati dai carabinieri il rumeno, in preda probabilmente ad un raptus di follia, ha dato fuoco alla moglie e alla piccola rinvenute morte nella camera da letto poi si è impiccato. Sul posto i carabinieri della compagnia di Agropoli e il nucleo della scientifica. A lanciare l’allarme sembra siano stati alcuni residenti allarmati per le grida, che provenivano dall’abitazione. Un gesto folle probabilmente giunto all’epilogo dell’ennesima lite tra la coppia di coniugi entrambi di nazionalità rumena.


TAG: