Blitz quotidiano
powered by aruba

San Vito al Tagliamento, in municipio col niqab: multa da 30 mila euro

PORDENONE – Era entrata in municipio, per una seduta del Consiglio comunale, con il niqab: è stata condannata a quattro mesi di arresto, convertiti in 30 mila euro di multa. E’ la decisione contenuta nel decreto penale di condanna, firmato dal Gip di Pordenone Alberto Rossi, nei riguardi di una donna di origini albanesi, di 40 anni.

Venti giorni fa, durante una seduta del Consiglio comunale dei ragazzi di San Vito al Tagliamento (Pordenone), la donna aveva rifiutato di farsi riconoscere, avendo il volto interamente coperto dal “niqab”, il velo islamico che lascia intravvedere solo gli occhi di chi lo indossa.

Nonostante le richieste reiterate del sindaco Antonio Di Bisceglie (Pd) di togliere il velo integrale legato alla tradizione religiosa musulmana, che le lasciava scoperti solo gli occhi, la donna – che vive a San Vito al Tagliamento dal 2000 e da qualche anno ha acquisito la cittadinanza italiana – era rimasta sulle proprie posizioni, fino a quando è stata fatta allontanare dall’aula consiliare da personale della Polizia Locale, che aveva anche proceduto all’identificazione in una saletta attigua. Il Gip Rossi, su richiesta del sostituto procuratore Federico Facchin, ha ritenuto che contro la donna si possa configurare la violazione della legge 152 del 1975, che disciplina il comportamento delle persone nei luoghi pubblici e l’obbligo di riconoscimento del volto, che per ragioni di sicurezza non può essere nascosto o travisato.