Cronaca Italia

Sant’Andrea del Pizzone: “Sono indemoniato”, strangola figlia e accoltella moglie

Sant'Andrea del Pizzone: "Sono indemoniato", strangola figlia e accoltella moglie

Sant’Andrea del Pizzone: “Sono indemoniato”, strangola figlia e accoltella moglie (foto d’archivio Ansa)

SANT’ANDREA DEL PIZZONE – Ha tentato di strangolare la figlia di otto anni, quindi ha accoltellato alla gola la moglie intervenuta a difendere la bambina e solo l’immediato arrivo di altri familiari e dei carabinieri ha evitato il peggio. E quando i carabinieri sono arrivati per arrestarlo ha detto: “Sono indemoniato, è il diavolo che mi ha detto di farlo“.

In carcere è finito a Sant’Andrea del Pizzone (Caserta) un uomo di 42 anni; ad arrestarlo i carabinieri della locale stazione e quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Mondragone, arrivati in tempo per porre fine all’aggressione; la moglie dell’uomo, è emerso, si è gettata verso la figlia mentre il marito teneva le mani al collo della piccola per strangolarla. A quel punto il 42enne ha preso un coltello da cucina e l’ha ferita. Madre e figlia sono state portate d’urgenza all’ospedale di Sessa Aurunca dove sono tuttora in prognosi riservata ma non in pericolo di vita. L’uomo è stato condotto al carcere di Santa Maria Capua Vetere.

Aggiunge Mary Liguori sul Mattino:

benché invocasse l’intervento di un esorcista, è stato accompagnato in prigione. La violenza è avvenuta nel tardo pomeriggio di oggi, in un appartamento di Sant’Andrea del Pizzone, frazione di Francolise, in provincia di Caserta. L’uomo ha sferrato diverse coltellate alla moglie sotto gli occhi di entrambi i figlioletti. Per fortuna la donna non è stata colpita in punti vitali: ha iniziato a urlare e con lei i suoi bambini, terrorizzati. Le grida hanno raggiunto le abitazioni circostanti

To Top