Blitz quotidiano
powered by aruba

Sara Buccolini si accascia dopo maratona: muore giorno dopo

FERRARA – Sara Buccolini si era accasciata al suolo, appena terminata una corsa non competitiva di sei chilometri, la ‘Family Run‘ abbinata alla Ferrara Marathon di domenica mattina il 21 marzo. Subito i soccorritori avevano percepito la gravità delle condizioni della giovane, 21 anni, che da quel momento non ha più ripreso conoscenza. Il giorno dopo è morta nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Sant’Anna di Cona. Nonostante soccorsi immediati, le manovre per rianimarla nel tendone della Croce Rossa al traguardo e poi il trasporto in ambulanza, non c’è stato nulla da fare per Sara Buccolini, studentessa di Macerata iscritta alla facoltà di Architettura a Ferrara. In ospedale avevano appena fatto in tempo a raggiungerla le due sorelle maggiori, mentre i genitori erano con lei da ieri. Pare che la ragazza avesse una malformazione cardiaca congenita di cui nessuno si sarebbe mai accorto.

Sergio Armanino su La Nuova Ferrara racconta:

La notizia che tutti temevano e che ognuno sperava di non dover mai dare è appena piombata in redazione. Sara Buccolini, la studentessa maceratese di 21 anni, iscritta alla facoltà di Architettura di Unife, non ce l’ha fatta. La giovane è spirata nel reparto di rianimazione dell’ospedale Sant’Anna di Cona. Hanno fatto appena in tempo a raggiungerla le due sorelle maggiori, arrivate stamattina a Ferrara, raggiungendo i genitori, Silvano Buccolini e Giuliana Papa, giunti in città nel pomeriggio di domenica.