Blitz quotidiano
powered by aruba

Scippa anziana, scopre che è l’ex prof e le chiede perdono

VITERBO – Tossicodipendente di 29 anni scippa una anziana di 74 anni, poi scopre che è la sua ex professoressa e le chiede perdono, in lacrime, in tribunale. La storia raccontata da Silvana Cortignani sul Messaggero è avvenuta a Viterbo.

Qui il 21 aprile scorso, intorno alle 19, il giovane tossicodipendente, insieme ad una donna di 34 anni, a bordo di una piccola Volkswagen ha scippato una anziana donna, trascinandola per alcuni metri sull’asfalto. Per quell’episodio la donna è finita in ospedale con escoriazioni e contusioni e una prognosi di otto giorni.

Nel frattempo i due scippatori sono stati fermati dalla polizia e portati in carcere, al Mammagialla di Viterbo. E qui il giovane ha scoperto che la donna che aveva scippato era la sua ex insegnante.

Preso dal rimorso, le ha scritto una lettera in cui le ha chiesto scusa, si è detto pentito e si è detto pronto a darle 500 euro di risarcimento, il massimo che può. Martedì mattina, 10 maggio, il giovane non aveva ancora ricevuto alcuna risposta quando c’è stata ò’udienza in tribunale.

Quando si è ritrovato di fronte l’anziana, il ragazzo è scoppiato in lacrime, implorando a mani giunte perdono. Racconta Cortignani sul Messaggero:

l’alunno circondato dalla polizia penitenziaria, la prof sul banco dei testimoni. E’ stato così che – tra la commozione generale – l’insegnante lo ha pubblicamente perdonato, accettando il risarcimento, purché la somma venga devoluta, a nome del suo ex studente, a una comunità di recupero per tossicodipendenti.

Una rapina da 20 euro che poteva finire in tragedia. Entrambi gli scippatori stanno seguendo un piano terapeutico per uscire dalla droga e da ieri sono ai domiciliari. La rapinatrice ha patteggiato 2 anni e due mesi. Lo scippatore pentito, invece, sarà giudicato col rito abbreviato il 24 maggio, dopo che avrà versato la somma promessa.


PER SAPERNE DI PIU'