Blitz quotidiano
powered by aruba

Scontro treni Puglia, il capostazione: “Sì, ho alzato la paletta…”

ROMA – Scontro treni Puglia, il capostazione: “Sì, ho alzato la paletta…”. Insieme al suo collega di Corato, il capostazione di Andria Vito Piccarreta è indagato per disastro colposo e omicidio colposo plurimo dopo il tragico disastro ferroviario in cui sono morte 23 persone. I due capistazione si sono scambiati l’ok per far partire il treno che “comunque sia andata, su quel binario non doveva esserci”, come dice il procuratore facente funzioni di Trani, Francesco Giannella.

Vito Piccarreta non esce più di casa, è disperato, sente tutto il peso della tragedia: “L’ho alzata la paletta, certo che l’ho alzata. Ho dato io il via. Ma non è solo colpa mia. Adesso tutti mi buttano la croce addosso, ma la vera vittima sono io”, ha ammesso con il cronista del Corriere della Sera.

Non vuole essere scaricato come l’unico capro espiatorio, un’amica di famiglia lo difende: “È sconvolto. Distrutto. Non mangia. Non dorme. Continua a pensare a quell’istante che ha cambiato per sempre la sua vita. Schiacciato dal peso di tutta quella gente morta in un modo orribile. Lui ha sempre fatto il suo lavoro con coscienza. Lasciatelo stare. Non state a speculare sulle disgrazie”.

«Ma rispettate il nostro dolore. Siamo distrutti», diceva ieri la moglie a chi si presentava alla sua porta, nel residence in una zona periferica di Corato, vicino allo stadio. Piccarreta, descritto da un amico che condivide con lui la passione della pallacanestro, come «persona garbata e perbene, padre di famiglia e marito affettuoso, non un pazzo, ma un serio lavoratore» e orgoglioso del suo ruolo al punto di apparire sul profilo Facebook con la paletta in mano, è adesso sotto accusa per disastro colposo e omicidio colposo plurimo.

«Ma non è stato ancora interrogato», assicura il procuratore Giannella, smentendo le indiscrezioni di un suo interrogatorio informale del giorno dell’incidente, andato avanti fino a notte fonda. Intanto, cautelativamente, è stato sospeso dal servizio. In attesa di capire quale è stato il cortocircuito delle informazioni. (Virginia Piccolillo, Corriere della Sera)

 

Immagine 1 di 27
  • Puglia, scontro treni corato-andria28
Immagine 1 di 27