Blitz quotidiano
powered by aruba

Scuola, preside a genitori: “Mancano prof di sostegno, studenti disabili stiano a casa”

BOLOGNA – A scuola mancano gli insegnanti di sostegno. E il preside chiede ai genitori di tenere a casa gli studenti disabili. Accade a Casalecchio del Reno, in provincia di Bologna.

Qui, racconta Quotidiano.net, il dirigente scolastico dell’istituto tecnico commerciale Gaetano Salvemini, Carlo Braga, ha dovuto chiamare a colloquio i genitori dei ragazzi disabili spiegando loro che, per pochi giorni e fino a che non arriveranno le nuove nomine, chi ha ragazzi con problemi gravissimi che possono essere destabilizzati dalla mancanza del sostegno può valutare di tenerli a casa.

Nonostante le lezioni siano iniziate ormai da venti giorni, infatti, mancano ancora 40 insegnanti, di cui una trentina di sostegno. Fondamentali in una scuola in cui ci sono 60 studenti disabili su 1.500.

Braga ha spiegato che erano stati assegnati alla scuola 18 docenti di ruolo specializzati da altre regioni, ma in 17, dopo essersi presentati il primo settembre per firmare il contratto triennale, si sono assentanti dal lavoro (per lo più in malattia o per assistere familiari) e hanno poi ottenuto una assegnazione temporanea vicino a casa.

“Ora lavoriamo per riparare un vulnus: qui i diritti dei lavoratori sono in contrasto coi diritti degli studenti”, ha detto il preside, che ha spiegato:

“Ai genitori ho descritto la situazione e l’impossibilità della scuola di fare fronte a questa emergenza. Da qui la richiesta alle famiglie che possono, di tenere a casa a turno i loro ragazzi. E’ un’iniziativa sofferta, ma come posso fare a distaccare trenta insegnanti curricolari da altrettante classi per dedicarli ai disabili? Appena l’ho fatto, e tanti professori hanno accettato con generosità, il sindacato ha manifestato la sua contrarietà… Ci abbiamo messo tutto l’impegno ma una situazione eccezionale richiede soluzioni eccezionali”.

 


PER SAPERNE DI PIU'