Cronaca Italia

Scuola, un pezzo di ferro nel pranzo dei bambini in mensa

Scuola, un pezzo di ferro nel pranzo dei bambini in mensa

Scuola, un pezzo di ferro nel pranzo dei bambini in mensa (Foto d’archivio)

GENOVA – Un pezzo di ferro nei fagioli dei bambini alla mensa di scuola. Bufera sulla ditta di ristorazione La Cascina, che dal primo marzo serve i pasti in 62 istituti comprensivi di Genova (scuole d’infanzia, elementari e medie della Media Valbisagno, del Levante e del Ponente).

Così quasi cinquemila bambini si sono ritrovati senza il contorno, sostituito, nei casi più fortunati, da un budino. Ma la cosa ovviamente non è piaciuta ai loro genitori.

Anche perché si tratta solo della proverbiale goccia che ha fatto traboccare il vaso, secondo quanto scrive il Secolo XIX: 

In due settimane sono già una quarantina le lamentele di genitori e commissari della mensa della scuola arrivate in Comune. Il caso dei fagioli, su cui sta indagando anche la Asl che analizzerà il frammento, ha fatto saltare il tappo. Così, da un gruppo di mamme di Molassana, è partita la chiamata allo sciopero a tutti i 62 istituti comprensivi genovesi (scuole d’infanzia, elementari e medie) che ricevono i pasti preparati da Cascina nelle cucine di Sestri. La protesta è fissata per martedì 21 marzo, il tam tam nelle chat di scuola è già cominciato. Il passaparola anche.

Il ritrovamento risale a martedì 14 marzo: nel centro cottura di La Cascina una cuoca nota un frammento di ferro in uno dei contenitori dove erano in ammollo i fagioli cannellini biologici previsti come contorno del giorno.

La cuoca ha subito fatto scattare la procedura aziendale, che ha portato allo stop dell’intera partita di fagioli. Ma il tempo per sostituirli con qualcosa d’altro era troppo poco. Così in alcune scuole i bambini hanno avuto un budino in più, in altre nulla.

 

 

To Top