Cronaca Italia

Scuole al freddo a Roma: “In classe 8 gradi”. Studenti rimandati a casa

Scuole al freddo a Roma: "In classe 8 gradi". Studenti rimandati a casa

Scuole al freddo a Roma: “In classe 8 gradi”. Studenti rimandati a casa

ROMA – Scuole al freddo a Roma: non è bastato l’invito dei presidi agli studenti a presentarsi in classe con piumini e cappotti nelle aule ghiacciate dopo giorni senza riscaldamento. In alcune classi della capitale non si raggiungevano i dieci gradi, e così gli studenti sono stati rimandati a casa. 

Che nelle scuole avrebbe fatto freddo, era cosa prevedibile, visto che per tre settimane di vacanze natalizie i termosifoni sono rimasti spenti, mentre fuori il gelo imperversava. A poco era servita l‘operazione “Scuole Calde” lanciata dalla sindaca Virginia Raggi, che aveva disposto l’accensione dei caloriferi 24 ore prima dell’inizio delle lezioni. Le aule in alcuni istituti lunedì mattina erano ancora fredde, troppo fredde. Poche scuole senza riscaldamento, ma non avrebbe dovuto essercene nessuna in queste condizioni.

Cappotti, guanti e cappelli non sono bastati, come spiega Valentina Lupia su Repubblica:  

San raffaele

 

Chiuso il complesso del Buon Pastore, nel XII municipio, che comprende il liceo Malpighi e l’istituto Ceccherelli. Qui gli studenti sono andati “nell’aula di scienze per verificare l’effettiva temperatura – spiega Francesco Di Carlo, rappresentante degli studenti dello scientifico – e facevano 8 gradi. Non erano due/tre gradi in meno rispetto alla media, ma dieci se non di più. Abbiamo parlato con la presidenza: o ci avrebbero mandato a casa o avremmo preso altri provvedimenti”.

Gli studenti sono stati quindi rimandati a casa. Stesso discorso per i ragazzi del liceo Manara, del liceo Montale e dell’istituto Volta. Al Principe di Piemonte, a San Paolo, gli impianti di riscaldamento si sono addirittura rotti. Nello stesso municipio sono al freddo la Casa dei Bimbi e l’asilo nido di via della Villa di Lucina, oltre all’Angelo Celli di via dei Torriani, alla Pisana, e all’Istituto Comprensivo Francesco Cilea, all’Infernetto.

To Top