Blitz quotidiano
powered by aruba

Scuole chiuse 7 giugno causa elezioni e riaprono…1 giorno

ROMA – Le scuole dei 1349 Comuni dove si terranno le elezioni rimarranno chiuse anche martedì 7 giugno e riapriranno l’8 giugno per la chiusura ufficiale dell’anno scolastico. Il 23 maggio è arrivata la circolare per allertare i dirigenti scolastici che gli istituti dove saranno allestiti i seggi elettorali dovranno essere liberi da venerdì 3 a martedì 7 giugno.

Valentina Santarpia sul Corriere della Sera scrive che il 7 sarà previsto il riordino e lo smantellamento delle aule che saranno utilizzate per le elezioni comunali, con uno stravolgimento del calendario:

“Ricapitolando: come previsto, il 2 giugno è festa, il 3 – venerdì – bisogna lasciare le aule in tempo perché vengano riorganizzati gli spazi, il 7 è un giorno di pulizia e riordino, ed è evidente che due scuole su tre chiuderanno una settimana prima del previsto. O al massimo riapriranno l’8 giugno, solo per festeggiare ufficialmente la chiusura dell’anno scolastico. Ma di fatto le famiglie nono sono state ancora informate, perché, per l’automomia scolastica, dovranno essere i singoli dirigenti a pubblicare l’avviso con i giorni di chiusura.

E la polemica avanza: online sta conquistando migliaia di clic la petizione per chiedere che le scuole primarie vengano addirittura chiuse il 30 giugno, come quelle dell’infanzia, per venire incontro alle esigenze delle famiglie e per allineare i calendari italiani a quelli delle altre nazioni europee, dove ci sono dalle 6 alle nove settimane di ferie estive per i ragazzi, non 12-13 come da noi. Magari organizzando attività extrascolastiche per non stressare i ragazzi, e nello stesso tempo per evitare di tartassare le famiglie con le spese per gli onerosi centri estivi. La petizione su change.org ha ricevuto 4893 firme, ne mancano un centinaio per raggiungere le 5 mila”.


PER SAPERNE DI PIU'