Blitz quotidiano
powered by aruba

Siria. Ong, coalizione Usa, morti 380 civili in 18 mesi

Sono 380, tra i quali 99 bambini e ragazzi minorenni, i civili uccisi in 18 mesi di bombardamenti della Coalizione internazionale a guida Usa contro l'Isis in Siria. Lo riferisce l'Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus).

BEIRUT, LIBANO – Sono 380, tra i quali 99 bambini e ragazzi minorenni, i civili uccisi in 18 mesi di bombardamenti della Coalizione internazionale a guida Usa contro l’Isis in Siria. Lo riferisce l’Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus).

L’Ondus afferma di aver potuto documentare negli stessi raid la morte di almeno 4.108 miliziani dell’Isis e 136 del Fronte al Nusra, la branca siriana di Al Quaeda.

Le vittime civili sono segnalate nelle province di Hasake, Deyr az Zor, Raqqa, Aleppo e Idlib. L’episodio più sanguinoso risale al 30 aprile del 2015, quando ripetuti bombardamenti sul villaggio di Bir Mahli, vicino alla città di Serrin nella provincia di Aleppo, hanno provocato il massacro di 64 civili, tra i quali 31 bambini e ragazzi sotto i 16 anni.