Cronaca Italia

Smartphone a fuoco accanto al letto: paura per una coppia romana

Smartphone a fuoco accanto al letto: paura per una coppia romana

Smartphone a fuoco accanto al letto: paura per una coppia romana

ROMA – Lo smartphone, poggiato sul comodino, si è improvvisamente incendiato mentre dormivano. Notte di paura per una coppia romana. Flora Susca, docente di Inglese all’Università Cattolica del Sacro Cuore, e il marito, un tecnico radiologo all’ospedale Bambino Gesù, raccontano la paurosa notte al Corriere.it.

“Il cellulare era suo, l’ha comprato un anno e mezzo fa. E per fortuna che non l’aveva dimenticato nel letto. Cosa sarebbe successo? E se invece l’avesse lasciato al piano inferiore di casa nostra, dove c’è anche il parquet?. In quel caso non credo ci saremmo salvati… Mi sono alzata e sono corsa a prendere un asciugamano con cui abbiamo spento le fiamme. Mio marito voleva usare la bottiglia d’acqua che aveva accanto al letto, ma ho avuto paura che peggiorasse la situazione”, ha raccontato l’insegnante.

“Non siamo feriti e si è bruciato solo il bordo del letto che fa da comodino, ma siamo dovuti uscire di casa per il fumo, con gli occhi che ci bruciavano. Vorremmo che servisse di monito a tutti. Non solo ai ragazzi capita di addormentarsi con il cellulare fra le lenzuola, molte volte lo facciamo anche noi adulti. Adesso abbiamo scoperto che è davvero pericoloso. E dovrebbero saperlo tutti”, conclude.

 

To Top