Blitz quotidiano
powered by aruba

Smog, Napoli stop blocco auto. Roma e Milano: aria a norma

A Napoli deciso lo stop al blocco delle auto. Grazie alla pioggia inquinanti entro i limiti a Roma e Milano

ROMA – Migliora l’aria, grazie soprattutto alla pioggia, e così Napoli decide di sospendere il blocco auto, mentre a Roma e Milano l’aria torna a norma.

Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha disposto, a partire da lunedì, la revoca dell’ordinanza anti smog in vigore ed il ripristino di quella precedente con la possibilità di circolazione anche per i veicoli Euro 4.

Dal 4 gennaio dunque, il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 16,30 non potranno circolare i veicoli rientrati nella categoria al di sotto di Euro 4. La decisione è stata adottata dal sindaco che ha tenuto in mattinata una riunione con il vice sindaco e asre all’Ambiente, Raffaele Del Giudice e con il comandante della Polizia municipale di Napoli, il colonnello Ciro Esposito. L’ordinanza che sarà attuata da lunedì resterà in vigore fino al prossimo mese di marzo.

Tornano nella norma i valori del pm10 a Roma. La pioggia battente oltre a far tornare il problema del guano scivoloso nelle strade ha ripulito l’aria. I dati delle centraline nella giornata del 2 gennaio mostrano tutti livelli sotto il limite di legge, fissato in 50 ug/m3. E’ quanto risulta dal bollettino di Arpa Lazio.

Bisognerà vedere ora l’andamento dei prossimi giorni. Domenica sulla Capitale splende il sole e non sono state disposte limitazioni al traffico. Tutto dipenderà se la pioggia tornerà da lunedì, come sembra emergere dalle previsioni meteo. Ieri la centralina di Cinecittà, che a Capodanno aveva fatto registrate il valore record di pm10 pari a 119, ieri si attestava a 44. Nella norma anche le altre centraline: 45 largo Preneste, 47 corso Francia, 43 via Magna Grecia, 45 via della Bufalotta, 36 via Tiburtina, 45 via Arenula, 34 Malagrotta, 36 piazza Fermi, 42 Villa Ada e 34 Castel di Guido.

Aria a norma anche a Milano. Sabato 2 gennaio, secondo i dati di Arpa, i valori delle centraline milanesi hanno infatti fatto registrare fra 37 e 49 microgrammi di Pm10 per metro cubo d’aria contro i valori tra 68 e 86 microgrammi di venerdì, giorno del rialzo degli inquinanti, riportandosi così su valori al di sotto del limite di legge, che per il Pm10 è di 50 microgrammi per metro cubo d’aria. Peggiore ieri la situazione in altre province, con Monza che registra valori tra 58 e 63 microgrammi, Como tra 75 e 81, Lecco 70, Varese tra 61 e 69, Como 57, comunque in flessione.