Cronaca Italia

Spotorno. Mamme contro i migranti ai giardinetti: “Intimidiscono i nostri bambini”

Spotorno. Mamme contro i migranti ai giardinetti: "Intimidiscono i nostri bambini"

Spotorno. Mamme contro i migranti ai giardinetti: “Intimidiscono i nostri bambini”

SAVONA – Le mamme di Spotorno dichiarano “guerra” ai migranti che “infestano” i giardinetti della città. Le donne sostengono che i migranti, probabilmente giovani profughi, abbiano monopolizzato i giardinetti e che intimidiscono i loro figli, passando intere giornate seduti al parco. Le mamme hanno chiesto agli stranieri di lasciare il campetto, ma questi si sono rifiutati e così hanno chiamato i carabinieri e li hanno fatti allontanare.

Silvia Andreetto sul quotidiano Il Secolo XIX nell’edizione di Savona scrive che le mamme accusano i migranti di infastidire i loro figli, fino ad averli portati ad abbandonare il campetto di calcio dove i bambini giocavano nel pomeriggio:

“«Non ci è piaciuto è il loro atteggiamento – dice il gruppo di genitori – che non ha tenuto in minimo conto la nostra richiesta di non entrare nel campetto fino a quando i bambini non avessero terminato di giocare. La loro presenza ha messo in soggezione i bambini, portandoli ad abbandonare inizialmente il campetto». Ed aggiungono: «Solo all’arrivo dei carabinieri, dopo che gli hanno parlato, si sono convinti ad uscire e ad aspettare seduti su una panchina vicino. Il campetto è stato realizzato per dare un luogo di ritrovo e di gioco ai bambini e ai ragazzi di Spotorno. E’ assurdo che, ormai, ogni pomeriggio, sia occupato dal gruppo di profughi che, non avendo nulla da fare, vengono a passare il tempo qui sottraendo gli spazi ai nostri figli».

Una situazione che fa emergere come sia ancora difficile la convivenza con i profughi che si respira nelle nostre cittadine e la difficoltà d’integrazione con la popolazione residente. Quanto accaduto a Spotorno, intanto, è diventato già oggetto di un’interpellanza, presentata dai consiglieri di minoranza delle liste civiche di centro destra Matteo Marcenaro “Spotorno nel cuore” e Francesco Bonasera “Spotorno che vorrei” e Franco Riccobene della lista civica di centro sinistra “Adesso Spotorno” in cui si chiede se e quali iniziative l’amministrazione Fiorini intenda attuare per regolamentare la fruizione del campetto e con quale tempistica”.

To Top