Blitz quotidiano
powered by aruba

Spray al peperoncino e furti in Fiera a Padova: interrotto concerto dj Solveig

PADOVA – Una festa si è trasformata in un incubo la sera di venerdì 18 novembre tra furti, spray al peperoncino spruzzato nella pista da ballo e oggetti smarriti. Il caos ha regnato sovrano e il dj Martin Solveig è stato costretto a interrompere la serata organizzata da Uau, Vg Mania e Officine Musicali.

Alice Ferretti sul quotidiano Il Mattino di Padova scrive che all’evento, che era patrocinato dal Comune, hanno preso parte oltre 5mila persone che hanno pagato un biglietto fino a 38 euro per poter entrare, ma in poco tempo la serata è diventata un incubo:

“Primo tra tutti i problemi quello dello spray al peperoncino che qualcuno ha pensato di spruzzare in pista. Attorno alle due infatti, alla terza canzone del dj Solveig, dopo che alla seconda erano saltate le casse, tutta la platea ha cominciato a gridare e a mobilitarsi.

La gente in massa si è riversata in direzione delle uscite di sicurezza che sono state aperte. In pista non si respirava, in molti hanno cominciato ad avvertire forte bruciore agli occhi, fastidio alla gola, senso di soffocamento. E così per almeno 20 minuti i partecipanti alla festa sono dovuti rimanere all’aperto, senza giacca, al freddo e alla pioggia. Nel frattempo il celebre dj se n’è andato. «Ringrazio il… che ha spruzzato lo spray al peperoncino che ci ha intossicati tutti. Grazie a lui il caro Martin ne ha approfittato per svignarsela dopo 3 canzoni suonate per metà causa l’impianto di… che saltava», scrive inferocita sulla pagina Facebook dell’evento Miruna Cioc”.

Tanta la rabbia per l’organizzazione e per i partecipanti, senza contare che anche la polizia è intervenuta a causa di furti:

“Ad un certo punto è dovuta intervenire anche la polizia, in servizio alla festa con gli uomini della Squadra Mobile. Un ragazzo veronese di 22 anni ha infatti segnalato di essere stato derubato della collanina d’oro che indossava mentre stava ballando. Per il furto sono stati fermati due marocchini provenienti da Modena, Z.N., 19 anni, e F.A., 20 anni. Entrambi con precedenti per furto con destrezza, sono stati denunciati e ora hanno il divieto di tornare a Padova. Ad attenderli in macchina, una Lancia Y, un altro connazionale, che nel frattempo stava dormendo. Infine tanti ragazzi hanno smarrito giacche, borse, maglioni, portafogli, cellulari e documenti.”