Blitz quotidiano
powered by aruba

Stalking Buster, una app per prevenire abusi sulle donne

MILANO – Una app per prevenire stalking e violenza sulle donne: si chiama Stalking Buster ed è stata ideata da Fondazione donna a Milano onlus e Avenade Italy con il supporto della Regione Lombardia. Si tratta di uno strumento che permette di contattare via sms o tramite telefonata le forze dell’ordine e i centri antiviolenza attraverso un’interfaccia semplificata. Grazie alla geolocalizzazione, poi, la vittima di stalking o abusi potrà essere raggiunta più facilmente.

“Ora, ha spiegato Maria Rita Gismondo, presidente Fondazione donna a Milano, grazie a Stalking Buster e alla tecnologia siamo in grado di fornire anche un aiuto immediato per contrastare il fenomeno dello stalking e per far sentire le donne più al sicuro”.

L’app, attualmente in lingua italiana e inglese, è già disponibile per Android e lo sarà a breve anche per iOS e Windows Phone. Il progetto Stalking Buster nasce dall’idea di creare una piattaforma digitale per contrastare in maniera incisiva lo stalking, un fenomeno che tocca oltre 3,4 milioni di donne in Italia. “Bene che un aiuto concreto arrivi anche dalla tecnologia che mette a disposizione uno strumento efficace per chiedere aiuto in situazioni di emergenza, ha commentato l’asre alle pari opportunità di Regione Lombardia, Giulio Gallera. Purtroppo i numerosi fatti di cronaca ci dicono che molti casi di stalking si trasformano poi in irrimediabili tragedie”.

FEMMINICIDI – Dall’inizio del 2016 in Italia ci sono stati oltre 30 femminicidi e nella maggior parte dei casi l’assassino è un familiare o un uomo con cui la vittima aveva avuto una relazione. Secondo i dati Istat aggiornati al 5 giugno 2015, il 35% delle donne nel mondo ha subito una violenza. Nel 2014 ben 152 donne sono state uccise, di queste 117 in ambito familiare.