Blitz quotidiano
powered by aruba

Stefano Cucchi, dopo perizia che ipotizza morte per epilessia carabiniere indagato esulta: “L’Arma è pulita”

ROMA – Roberto Mandolini, il maresciallo indagato per falsa testimonianza con l’accusa di aver coperto “il pestaggio del ragazzo (Stefano Cucchi, ndr) perpetrato dai colleghi”, ha scritto su Facebook poco dopo il deposito della perizia dei consulenti del gip in cui si dice che è “non è possibile formulare certezze sulla causa di morte” e che l’ipotesi più attendibile è la crisi epilettica.

Il suo post è stato condiviso da Ilaria Cucchi con il messaggio: “Maresciallo Mandolini premier. Facciamo un confronto pubblico io e lei? Facciamolo in un luogo dove possono esserci tutti i suoi amici che le danno solidarietà. E io vengo da sola”.

Mandolini nelle ore successive alla diffusione del documento, in cui si specifica che “non è possibile formulare certezze sulla causa di morte”, ma che il decesso improvviso per crisi epilettica è “l’ipotesi più attendibile”, ha scritto su Facebook la sua soddisfazione: “Ho quasi 10.218 messaggi di auguri”, si legge nel post, “vicinanza e solidarietà da leggere e rispondere arrivati sino ad oggi da cittadini di tutta Italia. Il vostro affetto, la vostra stima mi onorano e mi lusingano. Io ho fatto solo il mio dovere, come lo fa ogni singolo carabiniere. L’Arma dei carabinieri è pulita e lo è sempre stata. Risponderò a tutti, datemi una settimana di tempo. Sempre a testa alta”.


PER SAPERNE DI PIU'