Blitz quotidiano
powered by aruba

Stephanie Kercher “caccia” Amanda Knox: “Lasciate in pace tomba di Meredith”

Tieniti aggiornato con Blitz quotidiano:

PERUGIA – Stephanie Kercher chiede rispetto (quindi non vuole Amanda Knox) per la sorella Meredith almeno ora che è nella tomba: ”La sua tomba è ora il suo posto sicuro, per riposare in pace ed essere con noi. Spero che questo sia rispettato da tutti”. Stephanie ha parlato in una dichiarazione rilasciata attraverso il legale di famiglia, l’avvocato Francesco Maresca.

Nei giorni scorsi, su Oggi era apparsa un’intervista – che Stephanie non cita – in cui Amanda Knox ha espresso il desiderio di andare sulla tomba di Meredith insieme alla famiglia della studentessa inglese (che fu uccisa a Perugia).

”Ci sono voluti quasi cinque anni perché, come famiglia, ci sentissimo pronti a seppellire Mez – dice Stephanie – e oggi è ancora estremamente doloroso. Tuttavia, ora lei ha un posto dove noi e i suoi amici possiamo andare a portare fiori e a passare un po’ di tempo”.

”Spero che possa continuare a riposare in pace – aggiunge – malgrado la vicenda giudiziaria stia andando avanti. Ma, conoscendo Mez, combatterà fino alla fine”.

”Il 6 novembre del 2007 – ricorda Stephanie – fu il giorno più difficile della mia vita. Venire in Italia e identificare la mia sorellina, sdraiata lì, fredda e senza vita. Non lo augurerei a nessuno, è un ricordo che non mi abbandona. Io e mia madre siamo state le ultime ad accarezzare Mez, quel giorno, per farle sapere che eravamo là e che eravamo venute per portarla a casa”.