Blitz quotidiano
powered by aruba

Strage di animali a Venezia: anatre e conigli uccisi a calci

SPINEA – Strage di animali nella notte tra sabato e domenica nell’oasi di Sos Natura di Spinea, in provincia di Venezia. Porcellini d’India uccisi a calci e calpestati, galline e anatre decapitate, coniglietti ammazzati a bastonate. Un centinaio gli animali sterminati da uno o più vandali. Disperato il proprietario, Enrico Piva, 39 anni, che con il padre Giancarlo ha costruito e gestisce in maniera del tutto volontaria l’area attrezzata, in via Unità in mezzo alla campagna, dove trovano rifugio le bestiole che lo stesso Enrico recupera in tutto il Veneto.

Sull’episodio stanno indagando i carabinieri di Mirano e di Spinea. Da segnalare anche l’immediato intervento dei responsabili del Comitato cittadino Cani Spinea, con il presidente Ivan Ciardi, che hanno dato la piena disponibilità a collaborare per individuare gli autori del massacro.

Enrico Piva  in un video-denuncia diffuso su Internet ha sfogato tutta la propria rabbia, dando piena disponibilità agli inquirenti per individuare i responsabili. Su Facebook, però, Piva si è abbandonato all’ira, augurando ai responsabili di “finire all’inferno, se c’è un Dio“. Lo sdegno, però, è di tutto il Paese, con anche gli esponenti della politica che commentano l’accaduto con parole di duro biasimo. Sulla strage indagano i carabinieri delle compagnie di Spinea e Mirano.


PER SAPERNE DI PIU'