Blitz quotidiano
powered by aruba

Strisce blu, se il parchimetro non ha il bancomat parcheggi gratis

ROMA – Se il parchimetro non è munito di Pos per pagare col bancomat, la sosta sulle strisce blu è gratis. Lo dice la Legge di Stabilità 2016. Il quotidiano giuridico Studio Cataldi rileva infatti che “dal 1° luglio è scattato l’obbligo imposto dalla legge di Stabilità 2016 per i Comuni di adeguare i dispositivi di controllo della durata della sosta a pagamento per consentire l’uso di bancomat o carte di credito”.

“Il comma 901 della legge di Stabilità 2016 – riporta il sito giuridico – con il fine di incentivare i pagamenti elettronici, prevede che dal 1° luglio 2016, le disposizioni di cui al comma 4 dell’art. 15 del d.l. n. 179/2012, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 221/2012, si applicano anche ai dispositivi di cui alla lettera f) del comma 1 dell’articolo 7 del codice della strada”, estendendo dunque ai dispositivi di controllo di durata della sosta, l’obbligo di “accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di debito e carte di credito”.

Cosa significa? E’ ragionevole ritenere che gli automobilisti, impossibilitati a pagare in assenza di appositi dispositivi attrezzati, possano ritenersi autorizzati a parcheggiare gratis sulle strisce blu, senza il rischio di finire multati.

Varrebbe la pena di rischiare, se non fosse che gli stessi esperti dello Studio Cataldi ci mettono in guardia: sono fatti salvi i casi in cui “le Amministrazioni dimostrino di non aver potuto ottemperare all’obbligo per oggettiva impossibilità tecnica”. Ma niente panico: in tal caso sussiste un’inversione dell’onere dalla prova a carico dell’ente locale. Sarà quindi nello specifico il Comune a dover dimostrare in accordo a quanto previsto dal decreto legge n.179/2012 di non aver potuto ottemperare tempestivamente all’obbligo di introdurre il pagamento con POS per un'”oggettiva impossibilità tecnica”.