Blitz quotidiano
powered by aruba

Tasse, riceve cartella esattoriale da 100mila € e si suicida

L'uomo, un ex imprenditore di 51 anni, attualmente disoccupato, si è ammazzato lanciandosi nel pomeriggio di lunedì primo febbraio da un ponte di corso Europa a Genova

GENOVA – Tasse, riceve una cartella esattoriale da 100mila euro e si suicida. L’uomo, un ex imprenditore di 51 anni, attualmente disoccupato, si è ammazzato lanciandosi nel pomeriggio di lunedì primo febbraio da un ponte di corso Europa a Genova.

 

Il corpo è finito nel torrente Sturla dopo un volo di diversi metri. L’uomo è morto all’istante. Il gesto è stato notato da alcuni passanti che hanno dato l’allarme.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri e i medici del 118. L’ex imprenditore lascia la moglie e un figlio di 15 anni.

A ricostruire la vicenda sono stati i militari della compagnia dei carabinieri di San Martino. L’ex imprenditore avrebbe accumulato il debito di tasse negli anni a causa delle difficoltà incontrate sul lavoro. L’uomo avrebbe cercato di superare le difficoltà economiche chiudendo l’attività in crisi per aprirne di nuove. Ma gli affari non sono andati beni e l’ex imprenditore non sarebbe stato in grado di recuperare i soldi per fermare i debiti con l’esattoria che invece sono lievitati.

IL PRECEDENTE A VENEZIA – A fine dicembre ad una pensionata di 81 anni di Venezia Equitalia aveva recapitato 45 cartelle esattoriali, la prima delle quali risalente al 1988, per un totale di oltre 500mila euro. Dopo aver aperto la busta la donna si è sentita male, riferisce la Nuova Venezia. 

Al quotidiano veneto la donna aveva raccontato:

“Quando ho aperto la busta di Equitalia sono rimasta di stucco. Mi sono ritrovata una sfilza di cartelle in ordine cronologico: dal 1989 al 2012. Molte sono dell’Inps, le altre della Camera di Commercio. Tutte si riferiscono all’attività che ho gestito fino al 1999. La cifra più bassa fra le 45 elencate è di 350 euro, quella più alta di 102 mila euro. Ho guardato più volte la somma finale, che è di 518 mila euro, e ho sperato fino alla fine di sbagliarmi. Invece poi mia figlia mi ha confermato che si trattava proprio di mezzo milione di euro. E dove posso mai trovarli?”.

Fortunatamente per la signora, la maggior parte della cartelle erano andate in prescrizione, e per molte è stata chiesta la cancellazione.

 

 


PER SAPERNE DI PIU'