Blitz quotidiano
powered by aruba

Terra dei Fuochi, schiuma bianca dai tombini di Acerra. Non è acqua e sapone

ACERRA – Schiuma bianca spunta dai tombini di Acerra, in provincia di Napoli, invadendo le strade. Cosa sia di preciso non si sa. La massa informe semi liquida è stato favorita nel suo esondare dai tombini dalle forti piogge dei giorni scorsi. Ma la pioggia che ha intasato i tombini ha solo portato alla luce quella schiuma bianca che covava in quantità sotto la città.

Scattato l’allarme, non senza qualche reticenza e scetticismo, il sindaco ha atteso “testimonianza attendibile” e “circostanza accalarata”, è dovuta intervenire con rapidità la Protezione Civile mentre è stata avviata un’indagine. Che non dovrebbe limitarsi ad essere, come si dice, di rito. Perché quella schiuma bianca, per ora misteriosa quanto a composizione, di certo non è acqua e sapone e bene non fa.

Già in passato i residenti di Acerra, riporta la Voce di Napoli, hanno denunciato una ditta che riversava sostanze chimiche più o meno direttamente all’interno dei tombini delle strade cittadine.

Ha dichiarato Alessandro Cannavacciulo, noto ambientalista:

“Cose del genere sono capitate più volte. In una di queste occasioni abbiamo denunciato in modo dettagliato i responsabili dello sversamento e della conseguente invasione di liquami nelle strade. Ma siamo ancora in attesa dell’esito delle indagini. Comunque l’episodio dell’anno scorso è stato accuratamente comunicato e denunciato al comando cittadino della polizia locale“. Acerra, Terra dei Fuochi, siamo all’interno di un’area in cui con la terra, con il suolo è stato fatta ogni cosa e ogni scempio. Terreno volutamente avvelenato per anni e anni dalla mano dell’uomo. Criminali e complici più o meno diretti. Non è detto che la schiuma di Acerra sia un altro veleno che il terreno avvelenato ora sparge nelle strade della cittadina. Non è detto, ma il sospetto è più che legittimo.