Blitz quotidiano
powered by aruba

Terremoto, a Pescara gente in strada, tifosi in fuga dallo stadio

PESCARA – Momenti di paura e scene di panico a Pescara dopo le due scosse di terremoto registrate mercoledì sera nell’Italia centrale, in particolare dopo quella delle 21:18, di magnitudo 5.9 della scala Richter, con epicentro tra Umbria e Marche. Molte persone sono scese in strada. Tante le chiamate ai vigili del fuoco. Anche il Comune ha avviato le verifiche per accertare l’eventuale presenza di criticità sul territorio comunale.

Momenti di terrore anche allo Stadio Adriatico intorno al 32′ del primo tempo della gara di campionato di serie A fra Pescara e Atalanta. La scossa di terremoto si è sentita distintamente sulle tribune e ha fatto scappare alcuni spettatori che stavano seguendo la gara.

La tribuna ha ballato per oltre dieci secondi con scene di isteria collettiva considerando che già intorno alle 19 nel capoluogo adriatico si era sentita forte anche la prima scossa. Panico anche fra i giocatori in campo con l’arbitro Guida di Torre Annunziata (Napoli) che ha subito sospeso la gara, ripresa poi dopo circa due minuti in un clima surreale e con diversi spettatori che avevano già abbandonato le tribune mentre qualche attimo dopo è scoppiato un violento temporale con pioggia violentissima. Le squadre al 47′ sono rientrate poi negli spogliatoi.

(Foto Ansa)

Immagine 1 di 7
  • Terremoto, a Pescara gente in strada, tifosi in fuga dallo stadio 8
Immagine 1 di 7