Blitz quotidiano
powered by aruba

Terremoto, Adriano Pieretti perde casa e edicola e si uccide. Su Fb scriveva…

CAMERINO (MACERATA) – Il Comune di Camerino non riceverà gli aiuti per la ricostruzione dopo il terremoto del 24 agosto, nonostante sia stato fortemente colpito dal sisma. Alla notizia un edicolante del paese, Adriano Pieretti, 31 anni, che nel sisma ha perso tutto si sfoga su Facebook. E poco dopo si impicca. Sul suo suicidio viene aperta un’inchiesta.

“Che dire…ho la ragazza che dal 24 agosto non lavora, per il negozio distrutto, con un mutuo dietro, e sti pagliacci ci hanno messo fuori….è proprio un’Italia di MERDA…”,

aveva scritto su Facebook Pieretti martedì 11 ottobre, a commento dell’articolo del Resto del Carlino in cui si dava notizia dei Comuni inseriti nel “cratere” del vulcano dal decreto legge del governo Renzi sulla ricostruzione post-sisma.

Pieretti era titolare dell’edicola davanti alle scuole di Camerino, scuole rimaste chiuse proprio a causa del terremoto di agosto, cosa che aveva provocato un drastico calo delle vendite. A causa del sisma aveva chiuso anche il negozio di estetista in cui lavorava la sua compagna.

Martedì aveva scoperto che Camerino non era tra i quindici Comuni della provincia di Macerata inseriti nella lista del governo. Prima lo sfogo su Facebook, poi si è impiccato in casa.

Immagine 1 di 1
  • Terremoto, Adriano Pieretti perde casa e edicola e si uccide. Su Fb scriveva...L'ultimo post su Facebook di Pieretti
Immagine 1 di 1

 

 

 


PER SAPERNE DI PIU'