Cronaca Italia

Terremoto Amatrice, sindaco: “E’ da radere al suolo completamente”

Terremoto Amatrice, sindaco: "E' da radere al suolo completamente"

Terremoto Amatrice, sindaco: “E’ da radere al suolo completamente”

AMATRICE – “Amatrice è da radere al suolo completamente”. Sergio Pirozzi, sindaco della città, conferma che non c’è più nessun edificio nel centro storico che sia possibile restaurare e salvare. A parte la chiesa romanica di S.Francesco, tutto il resto non c’è più. “Ma come ho già detto ieri – ha ammesso Pirozzi – vorremmo ricostruirlo nello stesso posto, magari con la stessa forma e con la stessa estetica”.

“Stiamo individuando le aree idonee per i servizi scolastici e le aree, i piccoli borghi per realizzare casette di legno modello trentino, modello Svizzera” per la popolazione colpita dal sisma ha quindi detto il sindaco di Amatrice. “Non voglio, ed è un’idea condivisa, quartieri-ghetto – ha aggiunto – ogni comunità dovrà restare dove ha vissuto. Vogliamo per il centro storico un modello di ricostruzione tipo Valnerina, tipo Friuli. Le strade devono ritornare dov’erano”.

“Ho emesso un’ordinanza di interdizione della zona rossa di tutto il centro storico – ha aggiunto Pirozzi – e deve intervenire un pool di tecnici che faccia sopralluoghi sulle abitazioni lesionate nella zona del ‘cratere’ e deve fare una stima degli interventi che servono”. Quanto alla scuola del paese, che è parzialmente crollata, Pirozzi ha ribadito che “il Comune si è costituito parte civile: il Comune è parte lesa. Se emergeranno responsabilità, se è stato fregato qualcosa, è stato fregato il Comune”. Il primo cittadino si è anche rivolto alla popolazione, sottolineando che “gli amatriciani sono un popolo dignitoso che non si lamentano. Io come sindaco avevo un’attività e non ce l’ho più. Ma se non scappa il sindaco, non scappano i cittadini. Amatrice risorgerà”, ha detto.

San raffaele
To Top