Blitz quotidiano
powered by aruba

Terremoto Arquata del Tronto, nuova scossa del 3.1 e pioggia: pronto piano sgombero

ASCOLI PICENO – Ancora scosse di terremoto hanno fatto tremare la terra ad Arquata del Tronto, il Comune in provincia di Ascoli Piceno colpito dal sisma del 24 agosto e completamente distrutto. La scossa di magnitudo 3.1 è stata registrata alle 23.57 del 16 settembre e le forti piogge hanno causato disagi, tanto che la Protezione civile ha già preparato un piano per lo sgombero dell’area.

La situazione per le popolazioni terremotate di Arquata del Tronto si fa sempre più difficile: dalla sera del 16 settembre infatti una forte e copiosa pioggia si è abbattuta sulle zone colpite da sisma e alla Protezione civile non è rimasto altro da fare che predisporre il piano di sgombero della popolazione, soprattutto nel caso in cui si fosse alzato il vento, che prevede il trasporto degli sfollati in strutture ricettive situate lungo la costa delle Marche.

Se il maltempo non fosse già sufficiente a creare disagio e paura, due nuove scosse di terremoto hanno tormentato gli sfollati. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, Ingv, ha registrato nella sua rete sismica due scosse di terremoto: una di magnitudo del 3,1 con ipocentro a 7 chilometri di profondità alle 23,57 del 16 settembre e con epicentro entro 7 chilometri da Arquata del Tronto. Una scossa che era stata preceduta alle 22,25 da un altro sisma di magnitudo 2.7, con ipocentro a 11 chilometri di profondità ed epicentro a Castelsantangelo sul Nera, in provincia di Macerata.