Cronaca Italia

Terremoto, Castelsantangelo sul Nera: scosse di magnitudo 3 e 3.1

Terremoto, Castelsantangelo sul Nera: scossa di magnitudo 3

Terremoto, Castelsantangelo sul Nera: scossa di magnitudo 3 (Foto Ansa)

MACERATA  –  Nuove scossa di terremoto in Centro Italia: nello sciame di repliche che non danno tregua sono state registrate giovedì sera due scosse di particolare forza, entrambe con epicentro vicino a Castelsantangelo sul Nera (Macerata), uno dei paesi più colpiti dalle due fortissime scosse di mercoledì 26 ottobre insieme a Ussita, Visso, Preci e Camerino.

Una, di magnitudo 3 della scala Richter, è stata registrata alle 23:33 con ipocentro a 8,3 chilometri di profondità, un’altra di magnitudo 3.1 è stata registrata all’1:35 con epicentro a 9 chilometri di profondità.

 

San raffaele

Nella stessa zona altre tre scosse di magnitudo 2.7 sono avvenute invece a 00:09, 00:10 e l’1:25 con epicentri rispettivamente a Monte Cavallo, Fiordimonte e Castelsantangelo. Non si segnalano al momento nuovi crolli.

SCUOLE CHIUSE – In considerazione dello sciame sismico nella provincia di Macerata e per consentire accurate verifiche nelle scuole, 15 Comuni della provincia di Teramo hanno deciso di sospendere l’attività didattica anche il 28 e il 29 ottobre: si tratta di Teramo, Montorio, Tortoreto, Castellalto, Atri, Ancarano, Civitella del Tronto, Colonnella, Controguerra, Corropoli, Nereto, Sant’Egidio alla Vibrata, Sant’Omero, Torano Nuovo, Notaresco.

Sopralluoghi dei vigili del fuoco anche all’interno di alcune scuole a Roma, dopo le scosse di terremoto avvertite nella Capitale. A quanto riferito dai pompieri, a scopo precauzionale sono stati resi “non praticabili” alcuni locali, come aule delle classi e archivi. Sono almeno 120 in totale le richieste di verifiche statiche arrivate da quasi tutte le zone di Roma, soprattutto per cornicioni caduti e crepe interne nei tramezzi.

To Top