Blitz quotidiano
powered by aruba

Terremoto Centro Italia, donazioni e raccolte fondi: pericolo (finte) associazioni di beneficenza

ROMA – Fabrizio Curcio, il capo della Protezione Civile ha stoppato i più generosi. “Non inviate cibo e indumenti, non abbiamo carenze, il modo migliore di aiutare è l’ sms solidale al 45500″. Alla popolazione colpita servono solo soldi per la ricostruzione. Poste Italiane, la Protezione Civile e la Croce Rossa stanno già raccogliendo molti contribuiti utili.

Non sempre, però, le iniziative che vengono pubblicizzate, soprattutto su Facebook o WhatsApp con passaparola tra amici e conoscenti, brillano per trasparenza. Secondo il Fatto Quotidiano spesso non si comprende chi tenga le fila dell’ organizzazione promotrice o a cosa davvero servano i soldi raccolti. Il rischio di incorrere in un’ associazione che utilizza il disastro per farsi pubblicità, o addirittura in chi mette in piedi una vera e propria truffa, è concreto.

Per esempio, in passato, c’è stato chi dopo il sisma in Emilia del 2012 ha intascato indebitamente 120.000 euro per il sostentamento fuori casa, mentre non si è mai mosso dalla sua abitazione inagibile di Crevalcore, chi dopo il terremoto de L’Aquila del 2009 ha percepito più di 700.000 euro grazie a false dichiarazioni di danni mai subiti, o chi a Monza nel 2013 ha distribuito volantini per la raccolta fondi per le vittime dell’ alluvione in Sardegna utilizzando il simbolo Cri, ma mettendo il proprio nome e numero di telefono.