Blitz quotidiano
powered by aruba

Terremoto Centro Italia: labrador Leo e i colleghi eroi a quattro zampe

ROMA – Terremoto Centro Italia: labrador Leo e i colleghi eroi a quattro zampe. Nella tragedia immane, c’è anche chi ‘gioca’ e lavora per un premio. Ma il gioco salva vite, 60 tra Amatrice e Pescara del Tronto. Protagonisti sono i ‘cani da macerie': pastori tedeschi, pastori belgi, pastori tedeschi da lavoro detti grigioni, labrador e border collie che in molti già definiscono piccoli eroi.

Ovvio che le immagini del recupero della piccola Gi, scovata sotto il corpo della sorellina e della trave che l’ha sopraffatta, dal labrador Leo, citato anche da un commosso presidente del Consiglio, abbiano fatto del cane un vero eroe popolare.

Quando l’hanno tirata fuori dopo nove ore e mezzo tra le macerie hanno trattenuto a stento la commozione, la piccola Gi era viva. E la squadra dei cinofili della polizia di Pescara e di Ancona aveva compiuto l’impresa più grande, strappare una giovane vita alla furia del terremoto. Merito anche del labrador Leo, cane addestrato per questo tipo di ricerche che quasi subito ha individuato la bambina sotto tre metri di detriti. Ora per i quattro componenti della squadra «è come avere un’altra figlia», dicono ripensando a quei concitati momenti. (Fulvio Cerutti, La Stampa)

 

Il loro lavoro è servito trovare chi non ce l’ha fatta: sono stati 50 i cadaveri rintracciati grazie a loro in quegli stessi comuni. Corpi che altrimenti sarebbero stati restituiti ai parenti molti giorni dopo, ormai irriconoscibili. Prima di essere in grado di ritrovare persone sotto il livello del terreno debbono partecipare ad un addestramento di base che dura all’incirca due e anni e mezzo, poi fare esercitazioni costanti almeno due volte a settimana.

Ma c’è chi è molto precoce, come un labrador di un anno 1 e 6 mesi, color cioccolata, il più giovane del gruppo dei 22 cani del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (Cnsas). Compagine di animali arrivata a 50 ad Amatrice e Pescara del Tronto perché comprende anche i cani del Corpo Forestale, della Guardia di Finanza e dei Nuclei di Protezione Civile.

Altri animali all’opera riguardano i nuclei cinofili di carabinieri, polizia e vigili del fuoco. A 6/7 anni i cani da macerie finiscono la loro carriera o meglio il loro gioco. Perché il loro impegno è legato all’ottenere un premio: un pezzetto di cibo, soprattutto wurstel di cui sono ghiottissimi, un sonaglietto, una pallina, abbinata all’affettuosa carezza del conduttore. Questi 50 cani (ogni squadra è composta da un animale e quattro persone) hanno salvato la vita a 60 persone, anche se il loro lavoro a Pescara del Tronto sembra ormai esaurito: ormai da ore i cani non fiutano più persone vive.

L’opera delle unità cinofile è fondamentale nei primi tre giorni per trovare persone o cadaveri, dopo il loro fiuto – come dimostrano le statistiche – diventa meno affidabile, soprattutto con l’inizio della decomposizione gli odori cambiano. Un terremoto per un cane – viene spiegato – è davvero una grande fatica perché la polvere sottile delle macerie impedisce loro di respirare bene, ma sono “jolly fondamentali”, perché arrivano in posti dove i soccorritori metterebbero a repentaglio la propria vita, mentre gli animali riescono a rimanere in equilibrio.

Possono fiutare una persona fino a 4/5 metri sotto il terreno. Oggi sono stati impiegati nell’ennesima bonifica di una strada centrale di Amatrice, in via Cola, alla ricerca di due bambini. Tre cani diversi hanno fiutato qualcuno, ma le speranze di trovare ancora una vita, per i soccorritori, è davvero flebile. Tra i 50 cani c’è anche ‘Corto’, un labrador di 4 anni, l’unico nato ad Amatrice, il cui proprietario è un volontario del luogo.

E’ stato lui a trovare un’intera famiglia morta con un bambino di 8 mesi. Ad Amatrice stanno lavorando dal primo giorno anche 7 cani del Centro Carabinieri Cinofilo di Firenze. “Ci sono anche – spiega l’appuntato scelto Lorenzo Breveglieri – tre ‘infermieri quadrupedi’ ovvero dei veterinari nel caso gli animali si ferissero. Dei 7 cani, di cui 5 pastori tedeschi: due cercano persone vive, due sangue e cadaveri, due di razza bloodhound detti molecolari, perché fiutano, grazie ad una traccia, e vengono utilizzati per prevenire lo sciacallaggio.

L’ultimo cane è per l’ordine pubblico, è un po’ più aggressivo e blocca direttamente la persona, anche questo viene utilizzato contro lo sciacallaggio”. Sono ore febbrili per fare bonifiche, alcune zone sono già state abbandonate, in altre ferve il lavoro perché con il passare delle ore, il ‘gioco’ finirà per i ‘cani da macerie’ e vorrà dire che anche le speranze di chi aspetta i propri cari saranno ormai finite.