Blitz quotidiano
powered by aruba

Terremoto Centro Italia: scossa magnitudo 3.7, avvertita all’Aquila

ROMA – Una scossa di terremoto di magnitudo 3.7 è stata avvertita domenica alle 15.07 nell’area già colpita dal sisma del 24 agosto scorso. Lo si rileva dal sito dell’Istituto nazionale di geofisica. Si stratta della scossa più forte avvertita in giornata nel “cratere” del terremoto. La scossa è stata sentita da alcune persone anche nell’aquilano.

Intanto si indaga sui materiali usati per le costruzioni (cemento, sabbia, mattoni) ma anche sulle procedure seguite nella realizzazione degli edifici più recenti, come la scuola di Amatrice e il campanile di Accumoli, crollati o lesionati dal sisma del 24 agosto: si occuperà di tutto questo l’inchiesta aperta dalla Procura di Rieti. Il fascicolo c’è, al momento, però, non ci sono nomi di indagati, né sequestri. C’è anche un’ipotesi di reato, disastro colposo, alla quale, se emergeranno responsabilità specifiche, potrà aggiungersi anche quella di omicidio colposo.

Accanto a quella di Rieti, c’è una seconda inchiesta, anche questa per ora senza indagati, aperta dalla Procura di Ascoli Piceno per il fronte marchigiano del terremoto. Nelle due Procure per ora si continua a lavorare per l’identificazione delle vittime, ma è scontato che, dopo questa prima fase, le inchieste entreranno nel vivo: con i primi sequestri, sulla base delle acquisizioni già in corso da parte della polizia giudiziaria, e con l’obiettivo di accertare i motivi dei crolli che hanno determinato la morte di tante persone.