Cronaca Italia

Terremoto Lago di Garda: paura per la condotta sub-lacuala

Terremoto Lago di Garda: paura per la condotta sub-lacuala

Terremoto Lago di Garda: paura per la condotta sub-lacuala

ROMA – E’ ancora allarme per la condotta sub-lacuale nel lago di Garda. Il vecchio tubo (posato più di 40 anni fa) è da anni è oggetto di discussione: si lavora sul progetto congiunto tra Brescia e Verona per realizzare il nuovo collettore.

Come riporta Brescia Today, la scossa è stata registrata dall’INGV intorno alle 20 di domenica 4 giugno, con magnitudo di 3.6 gradi della scala Richter e un ipocentro a soli 10 chilometri di profondità. L’epicentro è stato localizzato in mezzo al lago, tra Crero (frazione di Torri del Benaco) e Roina (frazione di Toscolano Maderno).

Fortunatamente non si sono registrati danni a persone o cose. Ma si fosse rotto il tubo, allora sarebbe accaduto l’irreparabile. La terra aveva tremato anche tre anni fa, era l’agosto del 2014: allora la magnitudo registrata era di 4.3. E oggi come ieri, si ripropone il problema della condotta sub-lacuale: ce ne sono due, quella più sollecitata ovviamente sarebbe stata quella che collega Torri a Toscolano. Proprio dove si è registrato l’ipocentro dell’ultima scossa.

 

To Top