Blitz quotidiano
powered by aruba

Terremoto Macerata, scossa di magnitudo 2,9. Epicentro Castelsantangelo sul Nera

ROMA – Sono state 10 le scosse di terremoto (considerando solo quelle di magnitudo non inferiore a 2 registrate da mezzanotte nel Centro Italia, colpito il 24 agosto e il 30 ottobre da due devastanti sismi di magnitudo 6 e 6.5.

Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), questa notte la scossa più rilevante è stata all’1:36 con magnitudo 2.9 ed epicentro vicino Castelsantangelo sul Nera (Macerata). Non si segnalano nuovi crolli.

Solo ieri una forte scossa è stata distintamente avvertita anche ad Amatrice alle 17.14 con epicentro Capitignano (Aq).

La scossa, secondo i primi rilievi effettuati dall‘Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, ha avuto magnitudo 4.4 ed è stata distintamente avvertita a L’Aquila e Perugia. Ma a preoccupare, più che l’intensità della scossa è quanto spiega l’Invg. Secondo i sismologi, infatti, si tratta di una “nuova sequenza” sismica.  La forte scossa insomma, non rientra nella sequenza sismica che ha devastato il centro Italia ad agosto e a ottobre. “Sicuramente è un’altra struttura, che si era attivata già da qualche giorno con altre scosse minori”. È l’analisi a caldo del sismologo dell’Istituto Nazionale di Geofisica (Ingv) Alessandro Amato, interpellato dall’Agi. “L’epicentro di questa scossa – spiega – è collocato 5 chilometri a sud rispetto al limite più meridionale del cluster di questa estate. In questa zona avevamo registrato già una certa sismicità all’altezza del lago di Campotosto. Interessa un’altra struttura, la stessa area che fu colpita da una violenta scossa superiore a magnitudo 5 il 9 aprile 2009, pochi giorni dopo il terremoto dell’Aquila”. Quello che non si può ancora valutare, ammette il sismologo, è un eventuale nesso causale tra le scosse di Amatrice e questa: “Non possiamo sapere se ci sarebbe stata ugualmente la scossa di oggi se non ci fossero state quelle di agosto e ottobre. È probabile comunque che, avendo oltretutto un meccanismo simile, il terremoto nel centro Italia abbia contribuito ad attivare questa nuova sequenza”. I comuni più vicino all’epicentro del terremoto: Capitignano AQ 2 680 680 Montereale AQ 4 2812 3492 Campotosto AQ 7 586 4078 Barete AQ 9 679 4757 Cagnano Amiterno AQ 10 1383 6140 Amatrice RI 11 2646 8786 Pizzoli AQ 11 3773 12559 Borbona RI 13 650 13209 Cittareale RI 14 470 13679 Crognaleto TE 15 1416 15095 Posta RI 16 686 15781 Scoppito AQ 18 3285 19066 – See more at: http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-italia/terremoto-amatrice-scossa-magnitudo-4-4-2596091/#sthash.8cOxwLyd.dpuf