Blitz quotidiano
powered by aruba

Terremoto, pagina islamica. “Sisma voluto da Allah, solo così potete salvarvi”

ROMA – Non c’è solo la spiegazione scientifica dei sismologi e dei geologi, c’è anche l’interpretazione islamica sulle vere ragioni del terremoto che ha devastato il centro Italia. La teoria arriva da una pagina di musulmani residenti in Italia, “Sì all’Islam in Italia“, che conta più di 43mila seguaci su Facebook.

“Indubbiamente i terremoti che stanno accadendo in questi giorni sono tra i segni che Allah usa per spaventare i Suoi servi – si legge -. I terremoti e tutte le altre cose che accadono e che provocano danni e ferite alle persone sono a causa dello Shirk (l’idolatria, la falsa fede, ndr) e dei peccati, come Allah dice: Qualunque sventura vi colpisca, sarà conseguenza di quello che avranno fatto le vostre mani”.

La distruzione causata dal sisma non è casuale, né un evento solamente naturale, dietro ci sono la volontà di Allah e le colpe dei peccatori infedeli. Il post viene condiviso da centinaia di persone: Ibrahim residente a Milano, Mohammed che vive a Parma, Hamza che invece lavora a Padenghe sul Garda, Mehdi di Bergamo e molti altri.

Il terremoto come punizione di Allah del resto trova riscontri in diverse sure del Corano, citate dal sito islamista a conforto della propria spiegazione. Una (Al-A’rf, 96) dice: “Se gli abitanti di queste città avessero creduto e avessero avuto timor di Allah, avremmo diffuso su di loro le benedizioni dal cielo e dalla terra. Invece tacciarono di menzogna e li colpimmo per ciò che avevano fatto”. Un’altra ancora (Al-Ankabt, 40): “Ognuno colpimmo per il suo peccato: contro alcuni mandammo ciclone, altri furono trafitti dal Grido, altri facemmo inghiottire dalla terra e altri annegammo. Allah non fece loro torto: furono essi a far torto a loro stessi”.

Il concetto è chiaro anche se non viene detto in modo esplicito dal sito: chi è morto sotto le macerie si era macchiato di un grave peccato, non credere in Allah, e quindi se l’è cercata. La pagina “Sì all’Islam in Italia” cita a riprova un commentatore coranico del XIV secolo: “A volte Allah dà alla terra il permesso di respirare, il che avviene quando accadono forti terremoti; questo fa si che le persone si sentano spaventate, così si pentono, abbandonano i peccati, pregano Allah e provano rammarico per i loro peccati”.

La soluzione per evitare le catastrofi come quella che ha raso al suolo Amatrice e altri paesi del centro Italia, più che costruire abitazioni antisismiche, è la conversione all’Islam: “Quello che devono fare i Musulmani e gli altri che sono responsabili e sani di mente, è di pentirsi ad Allah, aderire fermamente alla Sua Religione ed evitare tutto ciò che Egli ha proibito, in modo che possano essere indenni e raggiungere la salvezza da tutti i mali di questo mondo e dell’Altro: è così che Allah allontanerà da loro ogni male, e li benedirà con ogni bene”.

Nei commenti alla pagina Facebook, oltre ai ringraziamenti ad Allah “che ci fa vedere questi segni”, c’è chi fa notare che tra i morti ci potrebbe essere anche qualche italiano di fede musulmana. Risposta degli amministratori (ignoti) del sito islamista: “L’articolo parla in generale. Si riferisce ai musulmani e ai non musulmani”.

La pagina avvisa anche che “la Moschea di Rieti ha offerto immediata accoglienza e supporto logistico ai terremotati”, mentre “Islamic Relief Italia sta già operando in coordinamento con la Protezione Civile, per far affluire prontamente i primi soccorsi”.