Blitz quotidiano
powered by aruba

Terremoto, sciacalli si fingevano volontari: rubano anche giocattoli

ASCOLI PICENO – C’erano anche dei giocattoli destinati ai bambini terremotati nel furgone di due sciacalli, un 47enne e un 41enne, entrambi pulipregiudicati, arrestati la notte scorsa dai carabinieri nei pressi della tendopoli di Rio di Acquasanta Terme (Ascoli Piceno).

I due finti volontari sono stati individuati durante un servizio di filtraggio attivato dai carabinieri a tutela del campo di Acquasanta, che ospita le famiglie di sfollati dopo il terremoto del 24 agosto che ha scosso il Centro Italia.

Li hanno colti in flagranza di reato mentre riempivano un loro furgone di materiale della protezione civile e dei vigili del fuoco e di donazioni ai terremotati, compresi appunto i giocattoli. I due, originari di Roma, erano arrivati nelle zone del sisma fin dalle ore successive alla prima terribile scossa del 24 agosto e si erano fatti accreditare come soccorritori, con lo scopo di agire dall’interno dell’organizzazione per accaparrarsi i beni che sono stati effettivamente trovati nel loro furgone e ora recuperati.

Uno dei due pregiudicati avrebbe manifestato segni di nervosismo, cercando di sottrarsi al controllo. Insospettiti, i carabinieri hanno identificato entrambi e perquisito il loro Fiat Doblò, all’interno del quale è stata rinvenuta la refurtiva

Entrambi sono ora reclusi nel carcere di Ascoli in attesa dell’udienza di convalida. L’accusa al momento è di furto aggravato.