Blitz quotidiano
powered by aruba

Terremoto Isernia, scuole sgomberate dopo sciame sismico

Quattro scosse di terremoto in meno di 24 ore e di magnitudo crescente sono state avvertite tra il 18 e 19 febbraio a Isernia e le scuole sono state sgomberate

ISERNIA – Quattro scosse di terremoto in meno di 24 ore sono state registrate a Isernia tra le 18,30 del 18 febbraio e le 11,37 di venerdì 19 febbraio. Il sisma più forte ha avuto magnitudo del 2.6 e molte scuole sono state sgomberate per precauzione.

La prima scossa è stata registrata dalla rete sismica dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, Infn, intorno alle 18, 32 del 18 febbraio. Il terremoto ha avuto magnitudo del 2.1 con ipocentro a 9 chilometri di profondità ed epicentro a Isernia.

Altri due terremoti sono poi stati registrati alle 5,15 e alle 8,22 del mattino del 19 febbraio, rispettivamente con magnitudo 2,4 e 2,3, ipocentro entrambe a 11 chilometri di profondità ed epicentro sempre a Isernia, capoluogo del Molise.

L’ultima scossa di terremoto è stata avvertita alle 11.37 di venerdì mattina con magnitudo 2.6, ipocentro a 11 chilometri di profondità ed epicentro a Isernia. Lo sciame sismico ha destato preoccupazione, pur non avendo registrato danni a cose o persone, e in via del tutto precauzionale molti istituti scolastici la mattina del 19 febbraio sono stati sgomberati e gli studenti allontanati dalle aule e portati al sicuro.