Blitz quotidiano
powered by aruba

Treni, in Lombardia arrivano a bordo le guardie armate

MILANO – Giubbotto blu e ricetrasmittente in mano. Poi c’è la pistola nella fondina. Pronta all’uso per difendersi o fermare qualche malintenzionato. Non per strada ma sui treni, tra i pendolari. Succede in Lombardia, regione in cui milioni di persone, ogni giorno si spostano con la ferrovia.

Controllori aggrediti e picchiati a sangue, donne molestate e stuprate. La crescente minaccia del terrorismo. Per questo, Trenord ha deciso di passare al contrattacco e da ieri, 15 aprile, le prime guardie giurate hanno preso posto sui treni per garantire maggiore sicurezza.

Per ora sono soltanto sei, ma nelle prossime settimane ne arriveranno altre per un servizio che a pieno regime potrà contare su un centinaio di uomini armati. Possono usare l’ arma solo in caso di legittima difesa. Delle 6 guardie giurate che hanno preso servizio ieri, due sono salite sulla Bergamo-Milano via Carnate; due sulla S5 Treviglio-Varese e le ultime sulla Como San Giovanni – Milano Garibaldi.