Blitz quotidiano
powered by aruba

Treviso, muore nell’auto stritolata tra due tir

TREVISO – Morire nella propria auto stritolata tra due tir: è la terribile fine di Stefano Manesso, 57 anni, di Preganziol (Treviso), docente al “Galilei” di Conegliano.

Martedì mattina Manesso stava percorrendo la tangenziale di Treviso con la propria auto quando si è scontrato con un tir fermo in colonna. Poi è sopraggiunto un altro tir, che gli è piombato addosso provocando un tamponamento a catena, spiega Andrea Zambenedetti sul Gazzettino, e in mezzo c’era l’auto del professore. Anche l’autista del secondo tir è rimasto ferito gravemente, mentre altri due automobilisti sono stati feriti leggermente.

Ecco il racconto di Zambenedetti sul Gazzettino:

Sono da poco passate le 8:30 quando sullo svincolo verso la Treviso mare, lungo la corsia che da Treviso porta ad Oderzo, c’è un rallentamento. Le auto si incolonnano, i camion frenano, la Ford Fiesta di Manesso si ferma per tempo dietro uno di loro. Poi arriva l‘Iveco Eurocargo che senza frenare finisce la sua corsa contro il bilico Volvo della ditta “Settentrionale Trasporti”. In mezzo c’è la Ford Fiesta del 57enne Stefano Manesso di Preganziol, che non ha possibilità di scampo. Docente di elettronica all’istituto Galileo Galilei di Conegliano, padre di due figlie di 14 e 20 anni a Preganziol, stava andando a prendere la madre a Biancade per accompagnarla a una visita medica.

(…) Nonostante il conducente del primo avesse il piede piantato sul freno, è stato spinto avanti e ha urtato altre due auto: una Volkswagen Golf e una Fiat Punto sulla quale viaggiava l’infermiera vicentina Monica Veronese: è stata lei la prima a scendere per vedere se poteva fare qualcosa. Oltre al conducente del camion, incastrato sotto il volante e ora ricoverato in gravi condizioni, a finire all’ospedale anche un 38enne di Paese e un 42enne di Ponzano. A chiudere il tamponamento a catena una quarta vettura, una Lancia Y. Sul posto sono arrivati ambulanze e vigili del fuoco.

Con la gru è stata liberata l’auto ma la speranza di trovare qualcuno vivo all’interno è svanita presto. Toccherà ora alla polizia locale di Treviso ricostruire la dinamica. (…) Il pm Gabriella Cama ha intanto aperto un fascicolo per omicidio stradale disponendo l’autopsia sul corpo di Stefano Manesso e ordinando il sequestro di tutti i mezzi coinvolti.


PER SAPERNE DI PIU'