Blitz quotidiano
powered by aruba

Trifone Ragone e Teresa Costanza. Mamma: “A Giosuè Ruotolo non direi nulla”

UDINE – “Non gli direi niente perché cadrebbe nel nulla. Voglio solo giustizia”. Così ha risposto ai giornalisti mentre entrava in Tribunale Eleonora Ferrante, la mamma di Trifone Ragone, dove sta per cominciare la nuova udienza del processo a carico di Giosuè Ruotolo. Il riferimento è proprio al ragazzo accusato di aver ucciso suo figlio e la fidanzata. “C’è solo il ricordo di Trifone e Teresa, che sono stati massacrati”, ha aggiunto. Ruotolo è l’unico imputato per l’omicidio di Trifone e della fidanzata Teresa Costanza, uccisi a colpi di pistola nel parcheggio del palazzetto dello sport di Pordenone la sera del 17 marzo 2015. Secondo quanto si è appreso, Ruotolo potrebbe rendere spontanee dichiarazioni.

“I ragazzi erano innamorati. Erano all’unisono. Noi eravamo contenti della loro serenità”, aveva detto in una predente udienza la signora Ferrante. “Trifone ci fece conoscere Teresa nella Pasqua 2014 – ha aggiunto – Lei mi disse che stavano avendo dei problemi con i coinquilini per le maggiori spese che avrebbero avuto con il trasferimento di Trifone nel nuovo appartamento. Consigliai loro di lasciare la caparra che avevano versato”, ha spiegato la donna prima di ricordare l’episodio in cui, un paio di giorni dopo l’omicidio, Ruotolo le avrebbe fatto presente di un credito vantato verso il figlio.

“Gli ex coinquilini – ha raccontato – vennero in albergo da noi. Mi disse mi ha fatto un ‘buco’, capii che parlava di un debito. Gli chiesi se era una somma rilevante. A quel punto intervenne un altro inquilino che disse di lasciar stare che erano 20 euro e che Trifone gli aveva fatto tanti favori. Me ne dimenticai fino a quando venne fuori la notizia che c’era un coinquilino, G.R., indagato. Allora andai a vedere il contratto d’affitto e pensai che era il ragazzo dei 20 euro”. La mamma di Trifone ha riferito in aula anche dell’occasione in cui, poco dopo l’omicidio, un altro degli inquilini le disse “secondo noi, siccome Trifone aveva contatti con tante donne, magari qualche marito o magnaccione si è arrabbiato e li ha fatti fuori. Nessuno – ha concluso – mi parlò di litigi tra Trifone e Giosuè”.