Cronaca Italia

Trifone Ragone-Teresa Costanza, FOTO choc: i conquilini ridono 2 giorni dopo

  • Trifone Ragone-Teresa Costanza, FOTO choc: i conquilini ridono 2 giorni dopo03
  • Trifone Ragone-Teresa Costanza, FOTO choc: i conquilini ridono 2 giorni dopo01
  • Trifone Ragone-Teresa Costanza, FOTO choc: i conquilini ridono 2 giorni dopo02
  • Trifone Ragone-Teresa Costanza, FOTO choc: i conquilini ridono 2 giorni dopo03
  • Trifone Ragone-Teresa Costanza, FOTO choc: i conquilini ridono 2 giorni dopo01
  • Trifone Ragone-Teresa Costanza, FOTO choc: i conquilini ridono 2 giorni dopo02

PORDENONE – Sorridenti al bar, soltanto due giorni dopo il brutale assassinio dei loro amici. E’ la foto choc mostrata al processo per il delitto di Pordenone, quello in cui furono uccisi i fidanzati Trifone Ragone e Teresa Costanza. A commentare quell’immagine pubblicata sul settimanale Giallo, è la mamma del caporalmaggiore, Eleonora Ferrante, rimasta a dir poco esterrefatta dal cinismo dei tre ex coinquilini del figlio.

“Erano passati solo due giorni dall’uccisione di Trifone e Teresa – racconta mamma Eleonora – I loro amici erano morti e loro festeggiavano”. A colpire la donna è soprattutto

“Giosuè Ruotolo – osserva – è stato immortalato mentre, con un sorriso beffardo, mette la mano sotto il mento e, forse, mima il gesto dello sparo. È evidente, in tutti loro, la totale mancanza di percezione di quello che era successo e l’assenza di sensi di colpa”.

Secondo quanto riporta il settimanale Giallo, i tre coinquilini non avevano preso bene la decisione di Trifone di lasciare casa a seguito di un aumento del canone di affitto. Mamma Eleonora racconta:

“Avevano acquistato una telecamera per spiare mio figlio dopo che lui se n’era andato di casa. Il mio sospetto è che studiavano un piano per ricattare mio figlio: volevano sorprenderlo in compagnia di un’amante, minacciando poi di mostrare il video a Teresa”.

L’obiettivo dei tre, secondo l’accusa e i familiari di Trifone, era far scoppiare la coppia e far in modo che il giovane tornasse a casa con loro. Ruotolo sarebbe arrivato anche a mandare messaggi infamanti su Trifone a Teresa tramite un falso profilo Facebook e quando il caporalmaggiore lo ha scoperto sarebbe nata una lite furibonda.

Pare che Ruotolo si sentisse quindi minacciato da Trifone per quanto scoperto e che per paura di perdere il suo posto in Guardia di Finanza avrebbe deciso di farlo fuori.

 

To Top