Blitz quotidiano
powered by aruba

Trifone Ragone-Teresa Costanza, legale vittime: Ruotolo è…

TRIESTE – Trifone Ragone e Teresa Costanza: Giosuè Ruotolo, il militare arrestato per il duplice omicidio dei due ragazzi, “è pericoloso, deve rimanere in carcere e processato con giudizio immediato”. Lo afferma in una nota l’avvocato Nicodemo Gentile, legale del fratello di Trifone, alla vigilia dell’udienza presso il Tribunale distrettuale del Riesame di Trieste, che esaminerà l’istanza di Ruotolo e della fidanzata, Rosaria Patrone, indagata per favoreggiamento.

“A carico dell’indagato – sottolinea Gentile – sussiste non solo un quadro indiziario gravissimo, ma anche specifiche e evidenti esigenze cautelari che impongono il mantenimento della custodia in carcere al fine di scongiurare il reale pericolo che il medesimo compia reati della stessa indole o continui a depistare le indagini unitamente ai suoi fiancheggiatori”. Gentile auspica inoltre che la Procura “richieda quanto prima di procedere con giudizio immediato, così come successo in molti altri casi, sussistendo tra l’altro un movente granitico e l’alibi falso del Ruotolo”.

Giosuè Ruotolo fece ricerche sul web a proposito di una pistola, probabilmente finalizzate all’acquisto. E’ il computer del militare a parlare per lui: Ruotolo infatti continua ad avvalersi della facoltà di non rispondere, pur essendo formalmente indagato per l’omicidio di Trifone Ragone e Teresa Costanza avvenuto il 17 marzo 2015. Non solo. Il sito Urban Post fornisce altri dettagli:

i pc sequestrati al militare campano 26enne hanno parlato al suo posto, visto che di fronte ai magistrati ha scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere. Anzitutto le chat moleste inviate a Teresa da falso profilo Facebook, il cui contenuto integrale (si tratta di numerosi messaggi inviati tra il 26 giugno e l’11 luglio 2014) è stato pubblicato dal settimanale Giallo. Un finto account denominato “Anonimo anonimo” che una fantomatica ‘Annalisa’ – dietro alla quale per la Procura si celava proprio Giosuè – utilizzava per fingersi amante di Trifone e farlo separare dalla sua compagna. Peccato che in quei messaggi, di cui Teresa informò da subito Trifone, veniva data descrizione dettagliata di particolari (l’utilizzo di un olio arancione, che Trifone teneva in un cassetto della sua stanza) relativi alle abitudini del militare ucciso, che solo i suoi commilitoni e coinquilini potevano conoscere, e di cui, nel caso specifico, solo Ruotolo era a conoscenza. E anche la scelta di usare il nome Annalisa non sarebbe un caso: esiste infatti una ragazza che si chiama Annalisa, amica di Trifone, e che proprio lui presentò solo a Giosuè. Questi elementi avrebbero portato Ragone a capire che le chat moleste era proprio Ruotolo ad inviarle, e a smascherare il suo sporco gioco sfociato in un affronto seguito a rissa e minacce, come testimoniato dai due teste, ex coinquilini e commilitoni di vittima e indagato, Sergio Romano e Daniele Renna.

Immagine 1 di 12
  • Trifone Ragone e Teresa Costanza, le parole dei genitoriTrifone Ragone e Teresa Costanza
Immagine 1 di 12